Consumare marijuana da adolescenti non altera l’intelligenza

Skunk_MarijuanaConsumare marijuana durante l’adolescenza non provoca lo sviluppo di psicosi e il ridotto quoziente di intelligenza a lungo termine, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

I ricercatori delle Università della California, Los Angeles, e del Minnesota hanno smentito ciò che aveva rilevato degli studi precedenti, sottoponendo a due test di intelligenza tremila persone.

Ogni partecipante è stato sottoposto a un primo test tra i 9 e i 12 anni, prima di aver provato la marijuana per la prima volta. Poi, è stato sottoposto a un secondo test da adolescenti, tra i 17 e i 20 anni.
Alcuni di loro avevano usato regolarmente cannabis o l’avevano già provata per la prima volta.

Confrontando i risultati, i medici non hanno trovato un legame tra la dipendenza da marijuana e il quoziente intellettivo.

Inoltre, gli scienziati hanno studiato gli effetti della cannabis sui gemelli, con un DNA è identico. Il risultato è stato lo stesso. Il Quoziente intellettuale non cambiava tra chi aveva consumato marijuana e chi no.

Gli scienziati ritengono che l’uso di cocaina non influenza direttamente il livello di intelligenza.

Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Allergie primaverili, quanto incidono sugli occhi?

Con l’’arrivo del caldo e della bella stagione arrivano anche le allergie primaverili; questo periodo dell’anno è infatti quello con la maggior produzione di pollini da parte delle piante, che si concentrano nell’aria e possono far nascere le temute reazioni allergiche. Anche se in generale si parla di allergie primaverili questo termine di solito si […]

Leggi tutto