La Terra brucia, anche nel 2015 il caldo è stato infernale

Il 2015 è stato sicuramente l’anno più caldo a livello globale dal 1880, da quando si registra la temperatura del pianeta, secondo la National Oceanic and atmospheric administration (Noaa) e la Nasa.

Per la quarta volta in questo secolo si è battuto il record di anno più caldo dopo il 2005, il 2010 e il 2014.

Per tutto il 2015, la temperatura media a livello del suolo e dell’oceano è stata di 0,9 gradi Celsius superiore alla media del secolo scorso.

Allo stesso tempo, il mese di dicembre 2015 è stato il più caldo ultimo mese dell’anno della storia, secondo il Noaa.

Il notevole aumento della temperatura media dell’anno scorso è spiegata, in parte, dall’influenza del fenomeno de El Nino nel Pacifico, per il quale la temperatura della superficie dell’oceano si alza in un intervallo di tempo compreso tra due e sette anni. Ma gli esperti ritengono che l’attività umana e, in particolare, la combustione dei fossili sono la principale spiegazione del riscaldamento planetario.

L’ultima manifestazione de El Nino, che è iniziato nel 2015 e si concluderà in primavera, è tra le più potenti mai registrate.

Cultura e Società News

38 Cantine Lombarde aprono le loro porte il 28/29 maggio

Anche quest’anno, Cantine Aperte, manifestazione iconica del Movimento Turismo del Vino, Lombardia si presenta al pubblico degli enoturisti con un programma estremamente attraente: saranno infatti 38 le Aziende pronte ad accogliere gli appassionati nel fine settimana del 28/29 maggio prossimi. Valtellina, Valcalepio, Franciacorta, Montenetto, Lugana, Colli Morenici Mantovani, Lambrusco Mantovano, San Colombano al Lambro e […]

Leggi tutto
ape
News Scienza

Giornata mondiale delle api, c’è poco da celebrare

 Secondo i dati appena forniti dagli apicoltori lombardi italiani, si registra anche quest’anno il terribile fenomeno degli spopolamenti degli alveari che, oltre alle api mellifere, riguarda in maniera diversa tutti gli insetti impollinatori, con numeri difficili da stimare. Anche nella sola Lombardia, quest’anno sono circa 650 gli alveari di cui c’è evidenza degli spopolamenti, monitorati […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scienza

Salorno: ritrovata un’area di cremazione dell’età del Bronzo

Nel sito archeologico di Salorno (BZ) è stata ritrovata un’area di cremazione che rappresenta un unicum per quantità di resti bruciati e che potrebbe anche rivelare una nuova modalità funeraria, non comune nell’età del Bronzo. La ricerca, pubblicata su PLOS ONE è stata realizzata da un team del Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Università […]

Leggi tutto