Gli utenti di Internet anche nel 2015 hanno utilizzato password banali

L’azienda di sicurezza sul Web SplashData ha pubblicato la lista delle password più banali utilizzate dagli utenti di Internet lo scorso anno.

La password più utilizzata nel 2015 dagli utenti del Nord America e dell’Europa occidentale è stata “123456”, seguita da “password” e da “12345678”.

I numeri sono spesso usati nella scelta di una password. Otto delle 25 password più comunemente utilizzate sono costituite da numeri. Gli esempi includono “1234567”, “123456789” ‘”111111″.

Utilizzata anche la parola “qwerty”, costituita dalle prime sei lettere, partendo sinistra, presenti sulla tastiera.

Non mancano tra le password parole come “benvenuto”, “welcome”, “football”, “baseball”, “starwars” o “dragon”.

Gli esperti di SplashData dicono che le password semplici sono facilmente indovinabili, anche dagli hacker più inesperti, e sono praticamente inutili per la protezione dei dati dell’account.

Cultura e Società News Scuola Tecnologia

Si chiude il web tour del progetto “Comunità in rete contro i cyber risk”

Si chiude il web tour del progetto “Comunità in rete contro i cyber risk”, promosso dal MOIGE – Movimento Italiano Genitori con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Dalla ricerca condotta dall’Istituto Piepoli, per conto del Moige, emergono dati preoccupanti sul fenomeno: da quando è scoppiata l’emergenza pandemica (escluso l’impegno per […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Tecnologia

Cuore: un paziente su due non segue correttamente le cure prescritte

Il 29 settembre si celebra la Giornata Mondiale per il Cuore, promossa dalla World Heart Federation, con l’obiettivo di informare sul ruolo della prevenzione delle patologie cardiovascolari. Il tema della campagna 2022 è “Use heart to every heart” e vuole richiamare l’attenzione sull’importanza di sfruttare i vantaggi della tecnologia per migliorare l’aderenza terapeutica a livello […]

Leggi tutto
News Tecnologia

Bullismo e Cyberbullismo: il 20% degli studenti è stato vittima di violenza

Il ritorno alla normalità, dopo due anni di pandemia, non ha portato i miglioramenti sperati sul fronte della lotta al bullismo. Tra preadolescenti e adolescenti, nella parte finale dello scorso anno scolastico, ben il 20% è stato vittima di qualche forma di vessazione, in quasi la metà dei casi addirittura sistematica. E’ quanto emerge dall’Osservatorio […]

Leggi tutto