Currywurst

Currywurst
INGREDIENTI

1 cucchiaio di olio di semi, 1/2 cipolla finemente tritata, 1 cucchiaio di curry in polvere, 1 cucchiaino di paprika piccante, 1 barattolo di pomodori pelati, 50 g di zucchero, 2 cucchiai di aceto di vino rosso, sale, pepe, 4 wurstel

PREPARAZIONE

Scaldare l’olio in un tegame a fuoco medio e fare soffriggere la cipolla. Una volta ammorbidita la cipolla, aggiungere il curry e la paprika e cuocere un minuto.
Spezzettare i pomodori e unirli al soffritto.Aggiungere lo zucchero, l’aceto, il sale e il pepe. Portare a bollore e abbassare la fiamma, mescolando di tanto in tanto, per circa 25 minuti o poco più Togliere la salsa dal fuoco e frullare.
Lessare i wurstel in acqua per 5 minuti. Scolarli e grigliarli. Affettarli e coprirli con la salsa calda.

Mezze penne con i funghi

mezze-maniche-funghi
INGREDIENTI

300 gr di pasta formato mezze penne

300 gr funghi surgelati o funghi secchi

2 spicchi di aglio

olio

prezzemolo

peperoncino

parmigiano grattugiato

PREPARAZIONE

Mettere a soffriggere in una padella l’aglio con l’olio e il peperoncino. Quando sono rosolati aggiungere i funghi tagliati a pezzetti (senza buttare l’acqua dei funghi secchi, se avete usato quelli) e fate cuocere un po’.
Nel frattempo cuocere la pasta al dente e poi saltatarla in padella con il sugo di funghi. Spolverare con prezzemolo tritato e parmigiano.

Facebook Messenger è sempre meno popolare tra i più giovani

Gli studenti più giovani amano sempre meno Facebook Messenger, pur essendo la app di messaggistica sempre tra le preferite, insieme ad Instagram.

Da una ricerca fatta da Wayup su 1.000 studenti universitari è emerso che la popolarità di Facebook è diminuita del 4% nel corso dell’anno, mentre si prevede che Instagram supererà Facebook nel 2016.

La maggior parte delle applicazioni utilizzate dagli studenti più giovani ruotano intorno ai social media, con l’utilizzo di piccole app come Pinterest e Spotify.

Facebook Messenger invece è ancora molto amata dagli studenti più anziani.

Sono cresciute costantemente, nel corso dell’anno 2015, VSCO Cam e Instagram. In declino, invece, Facebook Messenger, Snapchat e Venmo.

Wayup dice che la popolarità di Facebook Messenger è cresciuta leggermente da febbraio a settembre, ma poi è crollata due volte tanto da settembre a dicembre.

Facebook è sempre molto popolare tra le donne, che rappresentano il 77 per cento di coloro che sono online.

La ketamina può curare la depressione causata dall’eccesso di cibo

Alcuni ricercatori hanno trovato il modo per curare la depressione che si sviluppa a causa dell’eccesso di cibo.

La ketamina, utilizzata come anestetico inverte gli effetti della depressione nei ratti alimentati con una dieta ricca di grassi e potrebbe combattere anche la depressione sinaptica e cronica negli individui che hanno danni da stress.

L’eccesso di cibo cronico e lo stress sono legati a un aumento del rischio di depressione e ansia, secondo i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista medica ‘Neuropharmacology’.

I ricercatori della Yale University (USA) hanno spiegato perché questo accade e hanno suggerito una possibile soluzione.

Nello studio, essi hanno scoperto che una dieta ricca di grassi influenza il comportamento dei ratti. Dopo quattro mesi di un regime a base di grassi, nei ratti si era modificato il percorso coinvolto nel metabolismo e la plasticità sinaptica si era interrotta, così i ratti presentavano i sintomi della depressione e dell’ansia.

“Gli effetti di una dieta ricca di grassi e quelli di uno stress cronico potrebbero essere un fattore di rischio per la depressione, così come per le malattie metaboliche come il diabete di tipo 2”, ha detto Ronald Duman, professore di psichiatria e neurobiologia autore principale dello studio.

Gli scienziati della Yale hanno dimostrato che la ketamina, conosciuta anche come “Special K”, può rapidamente ridurre in modo significativo i sintomi della depressione cronica nei ratti alimentati con una dieta ricca di grassi e nei pazienti resistenti agli antidepressivi.

Da anestetico veterinario a potente allucinogeno e miracoloso antidepressivo, ora la ketamina, tramite un complesso molecolare chiamato mTOR pare sia capace di regolare la sintesi delle proteine ​​coinvolte nella creazione di connessioni sinaptiche nel cervello che sono danneggiate dallo stress e dalla depressione.

La sostanza, inoltre, pare che la sostanza faccia effetto nel giro di poche ore, anziché dopo settimane come accade con le normali terapie farmacologiche.

Se i risultati di questo studio sono incoraggianti, Ronald Duman dice che sono necessari ancora degli studi per valutare gli effetti della ketamina sul metabolismo e trovare il dosaggio corretto per curare la depressione.

Pin It on Pinterest