Il gomito si muove di nuovo con le ossa di un cadavere nella protesi

Ridare la mobilità a un gomito utilizzando le ossa di un cadavere: un’operazione che potrebbe sembrare impossibile è diventata reale nell’Ortopedia e traumatologia dell’ospedale dell’Angelo di Mestre.

Un paziente che aveva completamente perso la mobilità del gomito, a causa di un danno cerebrale, e che aveva il braccio ‘fermo’ a 90 gradi, ha riavuto il movimento e ha riacquistato la capacità di compiere di nuovo gesti semplici, come vestirsi.

Nell’operazione chirurgica, il gomito del paziente è stato ricostruito utilizzando “una protesi composita con ossa prelevate da cadavere”, come ha detto all’Adnkronos Salute Andrea Miti, direttore dell’Unità operativa dell’ospedale che ha compiuto l’operazione chirurgica.

“L’intervento – ha detto Miti – non è il primo che viene effettuato, ma è di particolare interesse perché solitamente avviene su pazienti che hanno un tumore. In questo caso si è intervenuti in presenza di un blocco di un gomito a causa del quale si erano sviluppate ossificazioni, rimosse, però, come se fossero il tumore. Si è proceduto con la resezione dell’omero e dell’ulna asportando tutto ciò che era stato inglobato dall’ossificazione, dopodiché è stata inserita la protesi composita, con 5-6 centimetri di tessuto osseo ottenuto da cadavere”.

«Il paziente – ha spiegato l’esperto – operato quasi un anno fa con un intervento durato 5 ore, non ha recuperato tutta la mobilità ma gli è stato restituito il suo fisiologico flettersi e distendersi: ora può muoversi, vestirsi, compiere azioni anche se limitate dal fatto che ha bisogno di un deambulatore per camminare”.

I chirurghi di Mestre in passato avevano fatto altri tre interventi di questo tipo. Ma, come hanno spiegato, questi interventi non sono comuni, dato che non è facile applicare una protesi all’anca e al gomito.

Il paziente operato ha 55 anni e aveva nel gomito una grande massa ossea compatta, dovuta a un’ossificazione, sviluppatasi progressivamente, come conseguenza di un infarto con ipossia cerebrale. La sua articolazione era avvolta in un blocco unico e solidificato, «grande quanto un grosso limone”.

Ora, il paziente ha un nuovo omero, per metà originario e per metà trapiantato da cadavere, e ha una nuova ulna, anch’essa per metà originaria e per metà trapiantata. Tra le due ossa, sta l’articolazione artificiale, cioè la classica protesi che garantisce il movimento del gomito.

Lifestyle Moda News

‘Giovani, ideate una calzatura spaziale’, Concorso internazionale per stilisti

Per il grande Stanley Kubrick lo spazio era un’odissea, per David Bowie una stranezza (remember “Space Oddity”), i Police si erano spinti a camminare sulla luna (“Walking on the moon”). Nello spazio sì, ma con quali scarpe? A rispondere alla domanda c’è il concorso internazionale per giovani creativi “Un Talento per la Scarpa”, promosso dalle […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Si può parlare di endometriosi a scuola

Una lezione interattiva e coinvolgente per avere maggiore consapevolezza del proprio corpo e informarsi sull’endometriosi, una malattia che colpisce molte donne (circa 3 milioni in Italia), talvolta fin dall’adolescenza, ma che è ancora difficile da diagnosticare. È il progetto “COMPREND-ENDO” dedicato alle ragazze della terza, quarta e quinta superiore delle scuole di tutta Italia dalle […]

Leggi tutto
Lifestyle Moda News

Calzature e accessori: in corso l’Expo Riva Schuh & Gardabags a Riva del Garda

Caratterizzata da un’offerta ampia e internazionale, Expo Riva Schuh & Gardabags è pronta a riunire nella sua prossima edizione fisica -in programma da sabato 15 a martedì 18 gennaio al quartiere fieristico di Riva del Garda (TN)- l’eccellenza dei settori della calzatura e dell’accessorio. Un segnale forte per l’intero comparto che, nonostante le difficoltà del […]

Leggi tutto