Come contrastare l’alito cattivo dopo aver mangiato l’aglio

Nonostante le sue proprietà salutari l’aglio dà un alito cattivo. Per ‘Science World Report’, a causare questa nauseante emanazione è lo zolfo, che insieme ai batteri del respiro dà un risultato molto sgradevole.

Secondo uno studio americano, alcuni alimenti frenano l’alito cattivo provocato dall’aglio quasi istantaneamente. Fra loro ci sono le mele, il succo di limone, la menta, il prezzemolo, il tè verde e gli spinaci. La mela, in questo senso, è l’alimento più efficace.

Nello studio americano ad alcuni partecipanti è stato chiesto di mangiare aglio crudo, i ricercatori poi hanno preso dei campioni di alito cattivo. Successivamente hanno chiesto alle persone di mangiare cibi diversi e quindi hanno misurato la scomparsa degli elementi chimici responsabili dell’alito cattivo.

Sheryl Barringer, autore principale dello studio, fatto nell’Ohio State University, dice che la mela aiuta più di ogni altra cosa a deodorare gli enzimi dell’aglio.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto