Le stufe a legna rilasciano un fumo molto nocivo

Il fumo rilasciato dal riscaldamento dalla stufa a legna o dal caminetto può essere dannoso per la salute, secondo l’Università di Utrecht, in Olanda, che ha fatto uno studio su questo.

La ricerca è stata fatta con le famiglie che avevano subito gli effetti dannosi a causa del fumo del focolare dei vicini.

Anche l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha fatto presente che il particolato sottile generato dalla combustione della legna è molto nocivo, se supera certi valori.

Le micro-polveri prodotte dalla combustione della legna sono in grado di raggiungere i polmoni e da qui il sistema cardiaco minacciando l’organismo.

Il fumo del camino può causare irritazione al naso, agli occhi, alla gola e alla trachea e può causare la tosse, oltre a emanare cattivi odori.

Lifestyle News Salute

Andropausa, scoperta una nuova molecola anti-invecchiamento

Ad Abano Terme presentato un peptide inedito (un piccolo frammento di osteocalcina) che interesserà gli ultrasessantenni: un esercito di quattro milioni di maschi italiani è infatti colpito da bassa produzione di testosterone associata ad un quadro clinico caratterizzato da osteoporosi, sindrome metabolica e disturbi della sessualità. Il professor Carlo Foresta: “Gli autori della ricerca sostengono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Il virus Sars-Covid viaggia nei nervi con dolori muscolari

Nella classifica delle ripercussioni post Covid, la voce dolore ricopre uno spazio importante: basti pensare che circa la metà dei pazienti che ha avuto l’infezione ha dovuto lottare contro i dolori muscolari, seguiti da cefalee acuto (6-21%), dolori toracico (2-21%), oculare (16%), mal di gola (5-17%) e addominale (12%). E ultimamente anche quelli che coinvolgono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

La terza dose di vaccino porrà un probabile freno al Covid

TERZA DOSE DI VACCINO: L’IMPORTANZA E LA NORMALITA’ – I vaccini ci hanno permesso di superare una situazione di estrema gravità quale quella in cui ci aveva spinto la pandemia di Covid-19 nel 2020. Avendoli però sviluppati in poco tempo, la loro somministrazione è stata programmata in due dosi a intervalli di tempo ravvicinati. L’introduzione […]

Leggi tutto