Il bambino e i genitori divorziati che non potevano fare la comunione

La storia di un ragazzo con genitori divorziati che non potevano fare la comunione ha commosso i cardinali riuniti in Vaticano per il Sinodo.

La storia del bambino è stata raccontata da un padre sinodale messicano ai quasi 300 partecipanti al Sinodo

Il ragazzo nella sua prima comunione aveva lasciato il suo posto per dare un po’ di ostia a ciascuno dei suoi genitori, divorziati e risposati, che non potevano comunicarsi.

La questione dell’ammissione dei divorziati risposati all’Eucaristia, quindi, di un cammino di riconciliazione o della penitenza, è l’argomento che più divide i Vescovi, nei dibattiti del Sinodo.

L’Instrumentum Laboris, documento di lavoro, relativo alle famiglie”ferite” si trova ad affrontare un problema, molto complesso sul piano teologico. Da un lato ci sono i tradizionalisti, i quali dicono che i divorziati risposati possono ricevere la comunione solo se vivono come fratello e sorella, dall’altro lato ci sono coloro che sono disponibili aperture e credono in un percorso di riconciliazione.

News Notizie

Violenza domestica e festività: un nuovo disegno di legge

Nei primi giorni di dicembre, 6 ministre italiane, Elena Bonetti alle Pari Opportunità, Luciana Lamorgese all’Interno, Marta Cartabia alla Giustizia, Mara Carfagna per il Sud, Maria Stella Gelmini agli Affari regionali e alle autonomie ed Erika Stefani alla Disabilità, hanno presentato un disegno di legge per rendere più efficace la lotta alla violenza domestica. Lo […]

Leggi tutto
senzatetto
News Notizie

Piano Freddo per portare soccorso a senza fissa dimora

Con l’inverno e l’irrigidirsi delle temperature scatta il Piano Freddo del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta – CISOM, per portare soccorso a senza fissa dimora e persone che vivono in condizioni di fragilità. Secondo l’ultima fotografia scattata dall’Istat nel 2014, in Italia sarebbero oltre 50.700 le persone senza fissa dimora, ma è lo […]

Leggi tutto
News Notizie

Italia, missioni militari: il 64 per cento della spesa è destinato alla difesa di fonti fossili

Un rapporto di Greenpeace Italia appena reso pubblico rivela che circa il 64 per cento della spesa italiana per le missioni militari è destinato a operazioni collegate alla difesa di fonti fossili, per un totale di quasi 800 milioni di euro spesi nel solo 2021 e ben 2,4 miliardi di euro negli ultimi quattro anni. […]

Leggi tutto