Il fungo afrodisiaco che manda in estasi le donne

Un fungo chiamato Mamalo o Wahine avrebbe notevoli capacità afrodisiache e il suo effetto si farebbe sentire in particolare nelle donne.

Secondo la rivista SciencePost, due scienziati americani interessati a questo fungo, che ha effetti afrodisiaci senza precedenti, lo hanno sperimentato su sedici donne selezionate.

Tra di esse, alcune hanno vissuto orgasmi intensi dopo che avevano ingerito questo fungo, mentre altre hanno sperimentato cambiamenti nella loro respirazione o nel loro livello di frequenza cardiaca.

Negli uomini, gli effetti del fungo sono visibilmente meno intensi, rispetto alle donne, nonostante anch’essi abbiano un generale aumento della frequenza cardiaca.

Il fungo è conosciuto nelle Isole Hawaii e le sue proprietà afrodisiache sono note nelle isole della Polinesia, nelle isole di Tahiti, Samoa, Rarotonga e nelle Isole Marquesas. Pare che solo sentendo l’odore di questo fungo leggendario le donne vadano in estasi.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto