Anche il colesterolo ‘buono’ può essere nocivo

l colesterolo HDL, da tempo conosciuto come colesterolo “buono”, perché può aiutare a prevenire l’accumulo della placca che ostruisce le arterie, ha una doppia faccia e può a sua volta causare danni, provocando malattie cardiache.

A dirlo è una nuova ricerca condotta dalla Cleveland Clinic, i cui risultati sono stati pubblicati su ‘Nature Medicine’.

Quando il colesterolo HDL è disfunzionale non solo non fa più il suo lavoro normale, ma provoca infiammazione nelle pareti dei vasi sanguigni.

La scoperta, secondo i suoi autori, può contribuire a spiegare perché i trattamenti farmacologici, che aumentano i livelli di HDL, hanno finora fallito nel migliorare la prevenzione delle malattie di cuore.

Ora i ricercatori stanno per rilasciare un test del sangue che permetterà ai medici di rilevare la forma disfunzionale del colesterolo HDL.

Lifestyle News Salute

Covid e cure domiciliari

L’aumento dei contagi nelle ultime settimane ha posto nuovamente tanti pazienti di fronte alle difficoltà di gestire l’infezione da SARS-CoV-2 a domicilio. I sintomi generalmente lievi che caratterizzano i pazienti vaccinati colpiti dalla variante Omicron hanno moltiplicato il numero dei soggetti a cui prestare attenzione, molti dei quali cercano la gestione migliore per la propria […]

Leggi tutto
Lifestyle Moda News

‘Giovani, ideate una calzatura spaziale’, Concorso internazionale per stilisti

Per il grande Stanley Kubrick lo spazio era un’odissea, per David Bowie una stranezza (remember “Space Oddity”), i Police si erano spinti a camminare sulla luna (“Walking on the moon”). Nello spazio sì, ma con quali scarpe? A rispondere alla domanda c’è il concorso internazionale per giovani creativi “Un Talento per la Scarpa”, promosso dalle […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Si può parlare di endometriosi a scuola

Una lezione interattiva e coinvolgente per avere maggiore consapevolezza del proprio corpo e informarsi sull’endometriosi, una malattia che colpisce molte donne (circa 3 milioni in Italia), talvolta fin dall’adolescenza, ma che è ancora difficile da diagnosticare. È il progetto “COMPREND-ENDO” dedicato alle ragazze della terza, quarta e quinta superiore delle scuole di tutta Italia dalle […]

Leggi tutto