Pillola anticoncezionale maschile: buone speranze da ricerca giapponese

Da molto tempo i ricercatori sono alla ricerca di un sistema contraccettivo maschile funzionante e reversibile. Purtroppo finora non è stato possibile mettere appunto una pillola anticoncezionale maschile efficace come quella femminile.

Uno studio sui topi fatto dai ricercatori dall’Università di Osaka, dà però buone speranze. Il lavoro ha trovato che si possono rendere temporaneamente infertili i topi maschi bloccando una proteina specifica nello sperma degli animali. La proteina, che si chiama calcineurina, si trova anche nello sperma umano.

Nello studio, essa è stata soppressa nei topi tramite l’uso di due inibitori chimici: la ciclosporina A (aka CsA) e la FK506 (aka tacrolimus), già disponibili nei medicinali per uso umano (vengono usate come farmaci immunosoppressori nei trapianti di organo).

Il topo maschio dello studio giapponese con la calcineurina inibita ha fatto sesso lo stesso, ma nessuna delle femmine è rimasta incinta.

Il trattamento è stato efficace nel giro di quattro o cinque giorni e una settimana dopo che gli animali avevano interrotto l’assunzione degli inibitori, la loro fertilità era ritornata normale.

Il trattamento non è ancora stato sperimentato negli uomini, ma lo studio fa ben sperare che il sistema possa funzionare come una sorta di pillola contraccettiva maschile.

Nello studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Science, i ricercatori dicono che si potrà sviluppare una pillola maschile, con funzione contraccettiva efficace e reversibile.

Lifestyle News Salute

Epilessia, la gravidanza non è più un tabù

Oltre il 90% delle Donne con Epilessia ha un esito felice della gravidanza. La Lega Italiana Contro l’Epilessia: “Questa condizione non è più motivo di rinunciare a diventare mamme” Storicamente, per le donne con Epilessia diventare mamme è un po’ più complesso. Un tasso di infertilità forse lievemente superiore alla media (ma su questo non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Tecnologia

Anziani e tecnologie: presentato un nuovo modello di cura e assistenza domiciliare

La pandemia ha accelerato l’implementazione delle tecnologie, coinvolgendo anche l’ambito medico. Resta ancora molto da fare, visto che esistono limiti tecnici e operativi che in alcuni casi relegano la telemedicina a un mero slogan. Ad essere penalizzati spesso sono gli anziani, ossia i soggetti con minore familiarità con le tecnologie, ma allo stesso tempo anche […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Disturbi del sonno: 1 italiano su 4 dorme male

In Italia ben 12 milioni di persone soffrono di disturbi del sonno: difficoltà di addormentamento, frequenti risvegli durante la notte, risvegli precoci la mattina e difficoltà di riprendere sonno. Secondo i recenti dati dell’Associazione Italiana per la Medicina del Sonno (AIMS), nel nostro Paese circa 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria. […]

Leggi tutto
News IN DIES