Anziani maltrattati in una Rsa di Prato. Sospesi 9 lavoratori

La Polizia di Stato di Prato ha eseguito nove misure cautelari a carico di alcuni operatori socio sanitari e infermieri, in servizio presso una struttura sanitaria con sede a Prato, per maltrattamento e lesioni verso gli anziani ricoverati e furti di denaro.

Le misure cautelari sono state effettuate a seguito dell’attivitá investigativa, svolta anche con la Direzione Sanitaria della ASL 4 di Prato.

Nove operatori e infermieri sono stati sospensi dall’esercizio di pubblico servizio, per periodi da sei mesi a un anno, mentre altri quatto dipendenti risultano indagati senza che nei loro confronti sia stata applicata misura cautelare.

L’attività investigativa ha messo in luce una situazione di umiliazione continua nei confronti degli anziani, anche in momenti delicati della loro vita, e un contesto generalizzato di tali condotte.

Quotidiani erano i maltrattamenti fisici e morali nei confronti dei degenti, sottoposti, senza alcun motivo, a strattonamenti e a condotte lesive della loro integrità fisica.

Quotidiane anche le condotte di dileggio e ingiuria verso gli ospiti della residenza, con una costante volontá vessatoria.

Gli accertamenti erano partiti dopo alcune segnalazioni anonime.

La struttura interessata è la residenza sanitaria assistita (Rsa) di Narnali, che ha 50 posti letto.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto