I ciechi potranno vedere…con la lingua

Giovedì scorso la Food and Drug Administration americana (Fda) ha approvato l’uso di BrainPort V100, un dispositivo che aiuta le persone non vedenti a vedere con la lingua.

Il dispositivo, prodotto dalla Wisconsin Wicab Inc, è progettato per aiutare le persone non vedenti, fornendo immagini visive attraverso la bocca, in particolare la lingua.

Il gadget a batterie è costituito da un paio di occhiali, con una minuscola videocamera, e da un boccaglio con quasi 400 elettrodi da fissare sulla lingua.

Per “vedere”, al cieco basta mettere il boccaglio sulla lingua mentre la telecamera converte le immagini in stimoli elettrici, vibrazioni o formicolii, che stimolano la lingua. Gli utenti possono interpretare queste sensazioni per “vedere” la dimensione, la forma, il movimento o la direzione di un oggetto.

I ciechi, comunque, devono conoscere la tecnologia, per usarla, e fare pratica: è come imparare una nuova lingua, dicono gli esperti.

Tuttavia, il 74 % dei soggetti che ha testato il gadget è stato in grado di identificare correttamente le cose.

Il dispositivo costa 10mila dollari e non ha effetti collaterali, anche se può provocare bruciori e dare in bocca un sapore pungente e metallico.

BrainPort V100 era stato già approvato in Europa nel 2013 ed è commercializzato nel Regno Unito, in Germania, in Italia e in Svezia.

Lifestyle News Salute Tecnologia

Caldo record, dalla SIPREC il decalogo per i pazienti cardiovascolari

CAMBIAMENTI CLIMATICI E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE – Da metà maggio l’Italia è interessata da ondate di calore senza precedenti. Tra i rischi da prevenire, vi sono anche quelli per l’apparato cardiovascolare. Da qui nasce l’impegno istituzionale e sociale della Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare – SIPREC a consigliare norme di comportamento per salvaguardare la propria […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

India: il COVID-19 ha reso i bambini ansiosi

Durante la pandemia da COVID-19, i bambini di tutta l’India hanno avuto problemi a dormire e hanno dovuto affrontare un aumento dei casi di violenza domestica. Un numero maggiore di loro è stato costretto a lavorare. È quanto emerge da uno studio condotto da Save the Children, l’Organizzazione da oltre 100 anni lotta per salvare […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Porpora trombotica: la diagnosi può arrivare in ritardo

La porpora trombotica trombocitopenica (TTP) non è solo una patologia dal nome difficile, ma è anche ultra-rara: l’incidenza della sua forma acquisita (aTTP), di origine autoimmune, che corrisponde al 95% dei casi totali, è di circa 1,2 – 6 casi per milione di persone per anno e nel nostro Paese si stima che si verifichino […]

Leggi tutto