Corea del Sud: tre nuove infezioni da coronavirus Mers

La Corea del Sud ha annunciato tre nuovi casi di infezione da coronavirus Mers, domenica, anche se il ritmo di diffusione del virus è diminuito in questi giorni.

Questi tre nuovi casi, che comprendono due sanitari, portano a 169 il numero delle persone infettate.

Il numero di morti rimane invariato, è sempre di 25 persone, che sono morte dall’inizio dell’epidemia, la più estesa fuori dell’Arabia Saudita, principale centro di infezione da coronavirus Mers nel mondo.

Uno dei tre nuovi casi di infezione è un medico che ha curato un paziente al centro medico di Samsung di Seoul, considerato l’epicentro dell’epidemia, dove più di 80 persone sono state infettate.

L’altro sanitario infettato è un’infermiera che era stata in contatto con un paziente contaminato in un altro ospedale di Seoul.

Finora, 43 persone sono state dichiarate guarite dalla malattia.

Il numero di nuovi casi di infezione è stato, comunque, in costante declino da martedì a sabato.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto