Corea del Sud: quindicesima vittima fatta dal coronavirus Mers

Il virus MERS CoV (Middle East Respiratory Syndrome Coronavirus), ha colpito ancora. Una quindicesima vittima c’è stata nella citta portuale di Busan. Si tratta di un uomo di 62 anni, a cui la Mers era stata diagnosticata lo scorso 7 giugno al Samsung Medical Centre di Seul, uno dei più grandi ospedali della capitale ed epicentro dell’infenzione con oltre 70 casi.

La sindrome respiratoria in Corea del Sud ha colpito finora 145 persone, dopo una prima diagnosi effettuata il 20 maggio scorso su un uomo di ritorno dall’Arabia Saudita e da altri paesi del Golfo. Ultimamente, altre 7 persone sono state contagiate.

La sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus è un’infezione che può provocare malattie respiratorie, tosse, febbre, mancanza di respiro e anche sintomi gastrointestinali, polmonari e crisi renali.

Non non c’è nessun vaccino o trattamento per il virus, che ha un tasso di mortalità di circa il 35%.

In Arabia Saudita, più di 950 persone sono state infettate dal 2012 dal virus e 412 di esse sono morte.

La sindrome aveva suscitato timori in Asia per una possibile ripetizione della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) che nel 2002-2003 aveva ucciso circa 800 persone in tutto il mondo.

Questa nuova sindrome, rispetto alla SARS è, però, meno trasmissibile.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha detto che il coronavirus Mers non sta dando luogo a un’epidemia.

Lifestyle News

Neonati: documento intersocietario sull’Alimentazione complementare

Quando avviare lo svezzamento? È possibile far provare qualsiasi alimento ai bambini che iniziano l’alimentazione complementare? Alimentazione complementare e autosvezzamento sono la stessa cosa? A queste e a molte altre domande risponde il Documento intersocietario sull’Alimentazione complementare promosso dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) in collaborazione con la Federazione Italiana Medici Pediatri […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Tecnologia

Il diabete giovanile ama la tecnologia

I ragazzi in classe lo hanno imparato da tempo: il suono della campanella coincide anche con la consegna dei dispositivi elettronici. Gli unici device ammessi sono quelli dei ragazzi con diabete mellito di tipo 1 che devono tenere sul banco per verificare se ci sono variazioni significative nei livelli di glicemia. Un numero considerevole visto […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Fratture: il trattamento chirurgico è privilegiato

“L’indicazione alla chirurgia nel trattamento delle fratture all’avambraccio nei bambini (che sono in assoluto le più frequenti dell’arto superiore) è aumentata negli ultimi anni del 20%. Intervenire chirurgicamente assicura, infatti, migliori risultati rispetto al trattamento conservativo in gesso, che mantiene comunque un ruolo da protagonista, e soprattutto garantisce un periodo di malattia più breve e […]

Leggi tutto