Si vive di più ma con meno salute

Uno studio finanziato dalla Fondazione ‘Bill e Melinda Gates’, pubblicato su ‘The Lancet’, ha concluso che le persone oggi vivono di più ma con meno salute.

Solo il 4,3% delle persone di tutto il mondo non ha avuto alcun problema di salute nel 2013, mentre un terzo della popolazione, 2,3 miliardi di persone, ha avuto più di cinque disturbi, nello stesso anno.

Secondo la ricerca, come la popolazione mondiale aumenterà, crescerà anche il numero di persone anziane, con conseguente crescita dei problemi di salute.

Secondo lo studio fatto nell’Università di Washington, l’incidenza dei disturbi è passata dal 21% del 1990 al 31% del 2013.

Lo studio ha analizzato 35,620 fonti di informazione sulle malattie e sugli infortuni, registrati in 188 paesi nel periodo indicato.

E’ emerso che c’è stato un aumento della perdita della salute associato con diabete (+ 136%), morbo di Alzheimer (+ 92%), abuso di farmaci (+ 120%) e artrite (+ 75%). In paesi come Messico, Nicaragua, Panama e Venezuela, l’artrite è stato il terzo fattore di disabilità.

Gli autori dello studio dicono che il numero delle persone con salute non ottimale aumenterà rapidamente nei prossimi decenni.

Negli ultimi 23 anni, hanno aggiunto, le principali cause del deterioramento della salute sono cambiate significativamente. Nel 2013, artrite, mal di schiena, depressione, ansia, consumo di alcol e droghe hanno rappresentato quasi la metà dei problemi di salute della popolazione.

Nel 2013, depressione e mal di schiena sono stati classificati tra i dieci maggiori contributori alla disabilità in tutti i paesi, e spesso erano combinati con il diabete, l’asma e la malattia polmonare ostruttiva cronica.

I disturbi cronici hanno interessato più del 10% della popolazione mondiale nel 2013. Secondo lo studio, molte cause prevenibili della perdita della salute, non hanno ricevuto l’attenzione che meritavano.

I ricercatori dicono che non bisogna solo puntare a far vivere la gente fino d età avanzata, ma anche a mantenerla sana.

Lifestyle News Salute

Pandemia: gli anziani più resilienti dei giovani

Con la pandemia, gli italiani anziani si sono dimostrati molto più resilienti dei giovani. Se durante il lockdown, con tutte le sue restrizioni e opportune segregazioni, si temeva un incremento dei suicidi e dei disturbi psico-sociologici negli over 65, tali ipotesi sono state sconfessate in tutto il mondo. Contrariamente a quanto si potesse pensare, sono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Oltre 20 milioni di bambini nei paesi ricchi hanno livelli elevati di piombo nel sangue

Secondo l’ultima Report Card pubblicata ieri dal Centro di Ricerca UNICEF Innocenti, la maggior parte dei Paesi ricchi sta creando condizioni malsane, pericolose e nocive per i bambini di tutto il mondo. La Innocenti Report Card 17: “Luoghi e Spazi – Ambiente e benessere dei bambini” mette a confronto i risultati ottenuti da 39 Paesi […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Dopo la pandemia, prioritario riportare gli anziani a una vita sociale attiva

Dopo due anni di chiusure, gli ultimi mesi hanno visto una completa riapertura delle attività lavorative, scolastiche, sociali. Un processo che ha permesso alla popolazione di riprendere le normali attività, ma che spesso ha tenuto ai margini la popolazione anziana, caratterizzata da meno stimoli in tal senso e maggiormente preoccupata dai possibili effetti di un […]

Leggi tutto