Google con Brillo propone l’Internet delle cose

Google ha sviluppato un sistema operativo per l’Internet delle cose (IoT). Soprannominato Brillo sarà anche una piattaforma progettata per funzionare su dispositivi a bassa potenza e dare loro la possibilità di comunicare con altri dispositivi vicini, che sono collegati.

Una delle caratteristiche principali dell’Internet delle cose è che certa tecnologia ha bisogno di avere un piccolo ingombro in dispositivi che richiedono una manutenzione minima.

In una “casa intelligente”, ad esempio, degli oggetti di uso comune potrebbero essere comandati a distanza.

Con Brillo, Google spera di replicare il successo di Android, che alimenta la maggior parte dei dispositivi mobili.

L’azienda di Mountain View cerca di rendere Brillo disponibile su tutti gli apparecchi, compresi i frigoriferi, il riscaldamento, i sistemi di irrigazione e le telecamere di sicurezza del giardino.

Il sistema operativo OS sta per vedere la luce e funziona su dispositivi con 32 MB o 64 MB di RAM.

Cultura e Società News Scuola Tecnologia

Un mix unico di tecnologie dà voce a Dante

Chi sono gli ignavi? Qual è l’aspetto di Dio? Quanto dura il viaggio all’Inferno? C’è tempo fino al 10 giugno per raccogliere le idee e chiedere al Sommo Poeta tutto quello che avreste sempre voluto sapere sulla Divina Commedia. A 700 anni dalla morte, Protom, la prima KTI (Knowledge &Technology Intensive) company italiana, dà voce […]

Leggi tutto
smartphone
Lifestyle News Salute Tecnologia

Pandemia: come sono cambiate le abitudini delle persone in ambito mental health

Il mese di maggio è il mese dedicato al benessere psicologico, un argomento che mai come quest’anno assume ancora più valore considerata la pandemia che ha messo a dura prova la condizione mentale e fisica di molte persone. Uno degli aspetti positivi che il COVID-19 ci sta insegnando, è quello di dedicare maggior attenzione al […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Tecnologia

Anziani e tecnologie: presentato un nuovo modello di cura e assistenza domiciliare

La pandemia ha accelerato l’implementazione delle tecnologie, coinvolgendo anche l’ambito medico. Resta ancora molto da fare, visto che esistono limiti tecnici e operativi che in alcuni casi relegano la telemedicina a un mero slogan. Ad essere penalizzati spesso sono gli anziani, ossia i soggetti con minore familiarità con le tecnologie, ma allo stesso tempo anche […]

Leggi tutto
News IN DIES