Il paracetamolo riduce la capacità di sentire piacere o tristezza

Il paracetamolo può ridurre la capacità di sentire piacere o tristezza, secondo un nuovo studio fatto nell’Ohio State University.

Gli autori dello studio hanno scoperto che, dopo aver preso l’antidolorifico, le risposte emotive della gente non erano forti.

Per giungere alle loro conclusioni, i ricercatori, durante lo studio, hanno dato a metà dei partecipanti 1.000 mg di paracetamolo e all’altra metà un placebo, prima di mostrare loro una serie di fotografie molto piacevoli e molto inquietanti.

E’ emerso che coloro che avevano preso il paracetamolo mostravano una risposta emotiva più debole rispetto a coloro che avevano assunto un placebo.

Lo studio, pubblicato nella rivista ‘ Psychological Science’ ha preso in esame le emozioni di 82 uomini e donne.

Ora, il team di studiosi vuole scoprire se altri antidolorifici, come ibuprofene e aspirina, hanno lo stesso effetto sulle emozioni.

Lifestyle News Salute

Autistico 1 bambino ogni 70

“Quindici anni fa il rapporto era di 1 bambino autistico su 2.000 bimbi, oggi è di 1 ogni 70. Di certo alla base di questo aumento ci sono state una serie di cause suppletive, come gli effetti dell’inquinamento sulle donne in gravidanza, ma 1 bambino ogni 70 è davvero troppo. È un aumento che i […]

Leggi tutto
Casa Lifestyle News

L’UE mette al bando la plastica monouso dal 3 luglio

Il 3 luglio 2021 entrerà in vigore il divieto dell’uso della plastica monouso in tutta l’UE: presto bicchieri da asporto usa e getta e altri oggetti monouso faranno parte di un ricordo del passato. Le tazze in porcellana To-Go di Villeroy & Boch sono una valida alternativa alla plastica: sono riutilizzabili infinite volte, sono esteticamente […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Gli anziani continuano a pagare il prezzo più alto in termini di salute

L’URGENZA POST-COVID: LA GESTIONE DELLE MALATTIE CRONICHE NELL’ANZIANO. I VACCINI PER GLI OVER 65 – La vaccinazione della popolazione italiana contro il Covid-19 prosegue con numeri significativi. Tuttavia, si sta presentando il conto della trascuratezza avvertita da molti pazienti, soprattutto anziani, nei programmi di prevenzione e cura delle malattie croniche. “Urge ripartire con i percorsi […]

Leggi tutto
News IN DIES