Facebook ha rimosso l’emoticon “mi sento grasso”

Facebook ha rimosso l’emoticon “mi sento grasso” dopo aver scatenato l’ira di un’associazione che lotta contro tutto ciò che può rafforzare nella gente un’immagine negativa del proprio corpo.

Il social network così ha deciso di rimuovere questa emoticon che era possibile associare con la pubblicazione di un proprio stato.

L’associazione Endangered Bodies (Corpi in pericolo), guidata dall’attivista Catherine Weingarten, ha portato alla costituzione di una petizione che ha ricevuto più di 16 000 firme e ha spinto Facebook a prendere la sua decisione.

Lo stato “mi sento grasso” era accompagnato da uno smiley con doppio mento.

L’emoticon “avrebbe potuto rafforzare l’immagine negativa del corpo, soprattutto nelle persone affette da disturbi alimentari”, ha detto un portavoce dell’Associazione.

News Tecnologia

Industria, il digitale entra nel marketing del B2B

Strumenti nuovi, creazione di reti, obiettivi condivisi, ma soprattutto digitale: cambia l’approccio al marketing delle aziende B2B. Il settore che, storicamente, ha sempre avuto una relazione più tradizionale nella vendita, si sta aprendo alle soluzioni più tecnologiche. «La centralità non è più data dall’agenda del singolo commerciale, ma dalla capacità di generare, catalogare e fare […]

Leggi tutto
News Tecnologia

Selfie: è giusto non apparire sempre in splendida forma nelle foto

Accettare, valorizzare e amare il proprio corpo non è mai stato semplice. Scattare e postare un selfie può rappresentare davvero tanto: può voler dire mettersi totalmente a nudo davanti a una vastissima community di utenti, accettandone le conseguenze, e a volte addirittura pagandone il prezzo, come anche mostrare ciò che in realtà non si è, […]

Leggi tutto
desertificazione, ambiente
News Scienza Tecnologia

L’intelligenza artificiale per tutelare acqua e coltivazioni

La siccità è realtà ed è un problema attuale e globale, che riguarda tutti e che va oltre specifiche zone, superando i confini regionali. In Italia la fotografia è allarmante, con oltre il 20% del territorio nazionale a rischio desertificazione fin dal 2018 e con una situazione ulteriormente complicata dall’assenza di precipitazioni degli ultimi mesi, […]

Leggi tutto