Oms: limitare il consumo di zucchero, per evitare diabete, obesità e carie

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda di non consumare più di 25 grammi di zucchero ogni giorno, che, in teoria, corrisponde a circa 5-6 cucchiaini di zucchero.

Purtroppo, in pratica, molti alimenti confezionati contengono degli zuccheri nascosti, dalla salsa di poodoro ai salumi, senza contare quanto zucchero possano contenere gli alimenti dolci.

Una lattina di bibita gassata contiene 10 cucchiaini di zucchero, un succo di frutta ne contiene 5, i cereali per la prima colazione circa 4. Miele, succhi di frutta e sciroppi, a loro volta contengono degli zuccheri.

Della quantità di zucchero contenuto nella frutta e verdura l’OMS non tiene conto, perché è assimilato dall’organismo in condizioni diverse, con le fibre e l’acqua, che danno una sensazione di sazietà.

Secondo gli esperti, si può cercare di limitare il consumo di zucchero osservando gli ingredienti contenuti nei prodotti confezionati. Si dovrebbe, inoltre, per quanto possibile, evitare di consumare i prodotti trasformati o industriali.

L’eccessivo consumo di zucchero nell’epoca moderna è responsabile di patoligie come diabete, obesità e carie.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto