La pornografia infantile sul Web sfrutta nuovi canali

La pornografia infantile sul Web sta sfruttando nuovi canali. I criminali non utilizzano più solo i siti Web, ma anche strumenti come Skype, poiché queste piattaforme hanno il vantaggio di lasciare meno tracce di un sito.

Bloccare i criminali non è sempre facile, specialmente se essi stanno fuori dell’Unione europea, per esempio nei paesi emergenti.

Tutto questo, mentre è recente l’allarme di Telefono Azzurro. L’organizzazione ha fatto notare che nel 2014 in Rete sono stati trovati 25 milioni di file pedopornografici. Un aumento esponenziale, considerato che nel 2002 questi file erano 50 mila.

Intanto, in Rete, anche Google ha iniziato una lotta contro la pornografia, in generale. Nuove regole saranno in vigore dal 23 marzo.

Mountain View ha deciso di rendere prima privati e poi di bloccare i siti ospitati su Blogger che contengono contenuti porno.

Cultura e Società Lifestyle News Salute Scuola Tecnologia

Aria Pulita in Classe: quali soluzioni?

La scarsa qualità dell’aria nelle aule scolastiche influisce sul benessere di alunni e docenti, incide sul grado di apprendimento e può compromettere la salute. Il ricambio dell’aria può essere lasciato all’intuizione? Come misurare la salubrità dell’aria? Quali soluzioni per migliorala? Sono alcune delle domande che troveranno risposta il 2 dicembre (ore 16.00-17:15) nel webinar “Aria […]

Leggi tutto
News Tecnologia

Neve: 10 consigli per un viaggio in tutta sicurezza

Con l’arrivo della stagione più fredda può capitare spesso di trovarsi a fare i conti con l’asfalto innevato, cosa che può creare non poche difficoltà anche ai guidatori più esperti. In questi casi la parola d’ordine è dolcezza. Il manto nevoso riduce l’aderenza tra le gomme e la strada e qualsiasi accelerazione rischia di destabilizzare […]

Leggi tutto
News Tecnologia

Occhio al post: i profili social influenzano la possibilità di trovare lavoro

Il 78% dei selezionatori cerca su Google il candidato, il 65% guarda tutti i suoi profili social e per il 38% questi incidono sulla decisione. L’indagine di Milano EXE su 485 imprenditori e 5 consigli su come migliorare i propri profili In Italia ci sono oltre 35 milioni di profili social attivi. Uno spazio virtuale […]

Leggi tutto