Un ormone potrebbe limitare gli effetti dell’alcol

L’ossitocina, a volte chiamato ormone dell’amore e della socialità, ha aiutato parzialmente dei ratti ubriachi a diminuire i sintomi dell’ebbrezza, in uno studio fatto da alcuni ricercatori australiani.

Quando gli autori di questa ricerca hanno infuso ossitocina nel cervello dei roditori ubriachi, gli animali non hanno presentato più la mancanza di coordinamento causato dall’alcol.

Lo studio è stato fatto nell’Università di Sydney in Australia ed è stato pubblicato negli atti della American Academy of sciences (PNAS).

Gli scienziati hanno dimostrato che l’ossitocina impedisce all’alcol di raggiungere le aree specifiche del cervello responsabili degli effetti causati dagli eccessi etilici.

Ora, resta da sperimentare questo ormone nell’uomo, per i ricercatori. Comunque se l’ossitocina può ridurre gli effetti dell’ubriachezza, non può cambiare la concentrazione ematica di alcol nel sangue. Non mette cioè al riparo da un eventuale test, se si è alla guida in stato di ubriachezza.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto