Riportare un uovo sodo allo stato liquido farà risparmiare

Riportare allo stato liquido un uovo sodo potrebbe essere utile per trovare dei trattamenti meno costosi contro il cancro e non solo.

I chimici dell’University of California Irvine e dell’University of Western Australia sono riusciti in questa impresa, anche se l’uovo sbollito, naturalmente, non è più commestibile.

I chimici hanno fatto bollire degli albumi per 20 minuti, poi hanno aggiunto dell’urea per liquefare il materiale solido e scomporre le proteine.

I vecchi metodi usati in medicina e in chimica per districare le proteine sono costosi e richiedono tempo, il nuovo processo dura pochi minuti ed è economico.

Del sistema, descritto su ‘ChemBioChem’, potranno giovarsi le industrie farmaceutiche e anche i settori caseari, industriali e agricoli.

News Scienza

Basta violenze sui cavalli, l’appello di Eurogroup for Animals

Una nuova indagine condotta da Animal Welfare Foundation sulle cosiddette fattorie del sangue in Islanda denuncia una serie di violazioni del benessere animale all’interno di 100 stabilimenti su 5.000 cavalli islandesi. Gli investigatori hanno scoperto violazioni del benessere degli animali in contrasto con tutte le dichiarazioni rilasciate dalle aziende farmaceutiche, dagli allevatori e dalle autorità […]

Leggi tutto
Cultura e Società Lifestyle News Salute Scuola Tecnologia

Aria Pulita in Classe: quali soluzioni?

La scarsa qualità dell’aria nelle aule scolastiche influisce sul benessere di alunni e docenti, incide sul grado di apprendimento e può compromettere la salute. Il ricambio dell’aria può essere lasciato all’intuizione? Come misurare la salubrità dell’aria? Quali soluzioni per migliorala? Sono alcune delle domande che troveranno risposta il 2 dicembre (ore 16.00-17:15) nel webinar “Aria […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scienza

Eutanasia, “Mario”, malato tetraplegico denuncia nuovamente l’ASUR

Dopo aver ottenuto il parere favorevole del Comitato Etico sulla presenza dei 4 requisiti per l’accesso al suicidio assistito, Mario, 43 anni tetraplegico marchigiano, è stato costretto a diffidare nuovamente la ASUR Marche, perché inadempiente in merito alle dovute verifiche sul farmaco letale. Questo è, infatti, l’ultimo passaggio da effettuare prima di poter accedere legalmente […]

Leggi tutto