Riportare un uovo sodo allo stato liquido farà risparmiare

Riportare allo stato liquido un uovo sodo potrebbe essere utile per trovare dei trattamenti meno costosi contro il cancro e non solo.

I chimici dell’University of California Irvine e dell’University of Western Australia sono riusciti in questa impresa, anche se l’uovo sbollito, naturalmente, non è più commestibile.

I chimici hanno fatto bollire degli albumi per 20 minuti, poi hanno aggiunto dell’urea per liquefare il materiale solido e scomporre le proteine.

I vecchi metodi usati in medicina e in chimica per districare le proteine sono costosi e richiedono tempo, il nuovo processo dura pochi minuti ed è economico.

Del sistema, descritto su ‘ChemBioChem’, potranno giovarsi le industrie farmaceutiche e anche i settori caseari, industriali e agricoli.

api
Cultura e Società News Scienza Scuola

20 maggio 2022 , Giornata Mondiale delle api. In Lombardia, giovani e anziani a tutela di questi insetti

Tutelare le api mettendo a loro disposizione gli spazi verdi di alcune strutture Korian e creare una sinergia con le scuole dei territori per stimolare il confronto intergenerazionale sul benessere dell’ambiente e la tutela della biodiversità. È “Bee Korian”, il progetto nato in collaborazione con Apicolturaurbana.it e incentrato sull’installazione di otto arnie in quattro Strutture […]

Leggi tutto
Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto