Farmaci comuni aumentano il rischio di demenza

Molti farmaci comunemente usati possono aumentare il rischio di demenza e innescare malattie come il morbo di Alzheimer negli anziani che le prendono ad alte dosi.

Sotto accusa sono i farmaci anticolinergici presi a dosi elevate e per molto tempo, che possono creare un disturbo di comunicazione tra i neuroni e interferire con la memoria, l’apprendimento e l’attività muscolare.

A dirlo, i ricercatori dell’Università di Washington che hanno fatto uno studio su un gruppo di più di 3500 persone di 65 anni e oltre.

Gli autori dello studio, pubblicato sul ‘Journal of the American Medical Association, Internal Medicine’, fanno presente che un gran numero di persone anziane prende questi farmaci, alcuni dei quali sono venduti senza prescrizione medica.

Dalla ricerca è emerso che chi aveva assunto i farmaci nel 23% dei casi aveva sviluppato qualche forma di demenza non reversibile, anche dopo aver smesso di prendere questi farmaci da diversi anni.

occhio
Lifestyle News Salute

Sindrome di Adie, quando le pupille si dilatano

Le pupille, ovvero la parte nera al centro dell’occhio, sono controllate dai muscoli dell’iride (la zona pigmentata) che, a sua volta, dipende dal sistema nervoso autonomo. Il fenomeno avviene per regolare la quantità di luce che entra nell’occhio: si dilatano se siamo al buio e si restringono negli ambienti molto luminosi. Sebbene con l’età tenda […]

Leggi tutto
Assistenza infermieristica - Theresa Brown
Lifestyle News Salute Tecnologia

Infarto: salvare vite con i droni negli ospedali italiani

Ogni anno in Italia 150mila persone sono colpite da infarto: di queste 25mila muoiono prima di arrivare in ospedale a causa dei ritardi nelle operazioni di soccorso. Vite che potrebbero essere salvate se solo si riuscisse a prestare loro le cure necessarie in tempi rapidi. Una “strage” che secondo VISIONARI NO PROFIT – associazione per […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid e cure domiciliari

L’aumento dei contagi nelle ultime settimane ha posto nuovamente tanti pazienti di fronte alle difficoltà di gestire l’infezione da SARS-CoV-2 a domicilio. I sintomi generalmente lievi che caratterizzano i pazienti vaccinati colpiti dalla variante Omicron hanno moltiplicato il numero dei soggetti a cui prestare attenzione, molti dei quali cercano la gestione migliore per la propria […]

Leggi tutto