L’voluzione ha indebolito le ossa degli uomini

I ricercatori britannici dell’Accademia Nazionale delle scienze hanno confrontato ai raggi x le ossa di cacciatori-raccoglitori e agricoltori. L’agricoltura è servita a renderci ciò che siamo oggi e a produrre più cibo per l’umanità ma la pratica ha indebolito le nostre ossa, secondo questo nuovo studio.

Quando gli esseri umani erano cacciatori-raccoglitori, prima di 7.000 anni fa, si spostavano molto più rispetto a quando sono diventati agricoltori.

I ricercatori hanno studiato le ossa di esseri umani vissuti durante entrambe le ere e hanno potuto appurare che nei cacciatori-raccoglitori la massa ossea era circa il 20% superiore rispetto a quella dei contadini. Ossia una differenza equivalente a una persona sulla terra e qualcuno che vive nello spazio per tre mesi.

Sulla base dei risultati, l’equipe ha dedotto che è la mancanza di attività fisica che conduce all’osteoporosi, non la dieta. Altre recenti ricerche hanno scoperto che i livelli di esercizio fisico di una persona sono più predittivi della morte precoce rispetto che il suo peso.

Il nuovo studio ha inoltre rilevanza per l’uomo sedentario di oggi.”Ci sono stati 7 milioni di anni di evoluzione ominide orientata verso l’azione e l’attività fisica per la sopravvivenza, ma è solo negli ultimi, diciamo, 50 – 100 anni, che siamo stati così sedentari — così pericolosamente sedentari” ha detto il co-autore dello studio Colin Shaw dell’Università di Cambridge nel Regno Unito. “Seduti in auto o davanti a una scrivania, non ci siamo evoluti per fare questo”, ha aggiunto.

Giovanni D’Agata

News Scienza

Restano solo 50 anni per salvare conchiglie e coralli dall’acidificazione degli oceani

È possibile immaginare un mondo senza conchiglie e coralli? La risposta è ovviamente no, ma occorre agire in fretta perché il punto di non ritorno è vicino. L’ecosistema marino è in grave pericolo e le prime conseguenze sono già sotto gli occhi di tutti, come dimostra lo sbiancamento della Grande Barriera Corallina in Australia e […]

Leggi tutto
desertificazione, ambiente
News Scienza Tecnologia

L’intelligenza artificiale per tutelare acqua e coltivazioni

La siccità è realtà ed è un problema attuale e globale, che riguarda tutti e che va oltre specifiche zone, superando i confini regionali. In Italia la fotografia è allarmante, con oltre il 20% del territorio nazionale a rischio desertificazione fin dal 2018 e con una situazione ulteriormente complicata dall’assenza di precipitazioni degli ultimi mesi, […]

Leggi tutto
News Scienza Tecnologia

Zanzare: come prevenire la proliferazione domestica e proteggere le abitazioni

L’estate è alle porte e con il caldo sono già arrivate, inevitabilmente, anche le tanto odiate zanzare. Sono sicuramente loro, l’infestante che più di tutti minaccia la nostra serenità in questo periodo e in ogni momento della giornata, complice anche l’aumento che si è registrato negli ultimi anni nel nostro Paese. Presenti in ogni angolo […]

Leggi tutto