La firma della malattia di Alzheimer è nel sangue

I ricercatori dell’Università di Melbourne hanno sviluppato un esame del sangue in grado di rilevare la malattia di Alzheimer, anni prima che i sintomi siano evidenti. Si tratta di un test, non invasivo, facile e veloce.

In uno studio, fatto su 100 persone, i ricercatori australiani hanno trovato che i soggetti con malattia di Alzheimer, o con la probabilità di svilupparlo, hanno una firma genetica particolare che li distingue dalle persone sane.

Tra le 100 persone che hanno partecipato allo studio australiano, con l’età media di 80 anni, ci sono stati soggetti sani, con e senza una storia familiare di malattia di Alzheimer, persone con decadimento cognitivo lieve e volontari, a cui era stata diagnosticata la malattia di Alzheimer.

Nello studio, pubblicato su ‘Molecular Psychiatry’ si dice che a fare la differenza è il materiale genetico chiamato microRNA, che circola nel sangue.

I mutamenti di questo materiale genetico sono la spia del morbo di Alzheimer.

I test del microRNA, nello studio australiano, hanno rilevato il morbo di Alzheimer con una precisione del 91%, cinque anni prima della diagnosi ufficiale.

Lifestyle News Salute

Pandemia: gli anziani più resilienti dei giovani

Con la pandemia, gli italiani anziani si sono dimostrati molto più resilienti dei giovani. Se durante il lockdown, con tutte le sue restrizioni e opportune segregazioni, si temeva un incremento dei suicidi e dei disturbi psico-sociologici negli over 65, tali ipotesi sono state sconfessate in tutto il mondo. Contrariamente a quanto si potesse pensare, sono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Oltre 20 milioni di bambini nei paesi ricchi hanno livelli elevati di piombo nel sangue

Secondo l’ultima Report Card pubblicata ieri dal Centro di Ricerca UNICEF Innocenti, la maggior parte dei Paesi ricchi sta creando condizioni malsane, pericolose e nocive per i bambini di tutto il mondo. La Innocenti Report Card 17: “Luoghi e Spazi – Ambiente e benessere dei bambini” mette a confronto i risultati ottenuti da 39 Paesi […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Dopo la pandemia, prioritario riportare gli anziani a una vita sociale attiva

Dopo due anni di chiusure, gli ultimi mesi hanno visto una completa riapertura delle attività lavorative, scolastiche, sociali. Un processo che ha permesso alla popolazione di riprendere le normali attività, ma che spesso ha tenuto ai margini la popolazione anziana, caratterizzata da meno stimoli in tal senso e maggiormente preoccupata dai possibili effetti di un […]

Leggi tutto