Basta una dose di antidepressivo per cambiare il cervello

Basta una dose di antidepressivo per cambiare il cervello, secondo un nuovo studio fatto nel Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences.

I ricercatori di questo istituto hanno effettuato delle scansioni cerebrali su 22 persone sane che non erano depresse e che non avevano mai preso antidepressivi prima.

Alcune di esse casualmente hanno preso una dose del più comune tipo di antidepressivo, un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI). Una scansione del cervello, fatta tre ore più tardi, ha rivelato un cambiamento nel cervello di chi aveva assunto il farmaco, con un diffuso calo di connettività cerebrale, tranne che per due regioni in cui essa era migliorata: il cervelletto e il talamo.

I risultati dello studio hanno trovato che gli antidepressivi possono alterare le connessioni del cervello molto più velocemente di quanto si sia creduto in precedenza.

“Siamo stati sorpresi”, ha detto l’autore dello studio Julia Sacher. “Non ci aspettavamo che il farmaco avesse un effetto importante su un breve periodo di tempo, interessando l’intero cervello”.

Gli antidepressivi si pensava che richiedessero diverse settimane per avere effetto, ha detto la Sacher.

Lo studio sugli antidepressivi è stato pubblicato sulla rivista ‘Current Biology‘.

Lifestyle News

I cittadini europei si rimettono in movimento

I cittadini europei si rimettono in movimento con l’XI edizione di Move Week, settimana per promuovere l’attività fisica e lo sport attraverso centinaia di eventi nei 38 Paesi coinvolti, dal 22 al 29 maggio. La settimana europea è promossa da Isca-International Sport and Culture Association, di cui Uisp è membro e capofila in Italia, con […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa, nel 2030 i pazienti raddoppieranno

Il Ministero della Salute si mobilita contro le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali – MICI e dà seguito a una serie di iniziative già intraprese da tempo. Le MICI, la Malattia di Crohn e la Colite ulcerosa, sono destinate a diventare sempre più diffuse in Italia, con la stima di un raddoppio entro il 2030 rispetto […]

Leggi tutto
Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto