il trapianto di testa umana è possibile

Il neuroscienziato torinese Sergio Canavero ha pubblicato uno studio in  cui afferma che in un futuro non lontano potrebbe essere possibile trapiantare la testa umana con l’aiuto di una tecnica speciale.

Sulla rivista ‘Frontiers in Neurology’ il neurochirurgo dice che è possibile fondere insieme dei monconi di midollo osseo tagliati attraverso un intervento chirurgico.

Canavero aveva pubblicato l’anno scorso una ricerca iniziale nella quale aveva sostenuto che l’innesto di testa potrebbe essere portato a termine con un taglio poco traumatico sui monconi del midollo spinale, raffreddati poi a 15 °C. Facendo seguire a questo primo passo la fusione delle fibre nervose con l’ausilio di speciali sostanze biologiche “sigillanti”, chiamate fusogeni, e l’attivazione della sostanza grigia con un’adeguata elettrostimolazione spinale, sipotrebbe ottenere un risultato soddisfacente.

Canavero ha supportato le sue dichiarazioni osservando che alcune esperienze con ratti fatte nell’Università di Düsseldorf, in Germania, Hanno permesso agli animali di recuperare l’uso degli arti.

Lifestyle News Salute

L’impatto della pandemia da COVID-19 sulle relazioni di coppia

Una ricerca condotta dal Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino e pubblicata sulla rivista scientifica internazionale Journal of Affective Disorders ha indagato l’impatto della pandemia da COVID-19 sulle relazioni di coppia e benessere psicologico degli italiani. Uno studio condotto dalle ricercatrici A. Romeo, A. Benfante e M. Di Tella del gruppo “ReMind the Body” del […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Osteoporosi e sarcopenia: pazienti a rischio

La parziale ripresa di controlli e visite dopo la fase più acuta della pandemia ha evidenziato la necessità di un nuovo approccio verso le patologie che colpiscono ossa e muscoli, rispettivamente osteoporosi e sarcopenia. Si inizia a parlare di “osteosarcopenia”, una sindrome di recente definizione che vede la concomitante manifestazione delle due patologie, accentuata in […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Nuove linee guida per la steatosi epatica non alcolica

La prevalenza della NAFLD (Non Alcoholic Fatty Liver Disease, Steatosi epatica non alcolica) è in aumento in tutto il mondo. Obesità, invecchiamento della popolazione, diffusione del diabete, consumo di cibi processati ricchi di acidi grassi saturi, fruttosio e di zuccheri industriali sono le cause principali. Questa situazione ha indotto le tre società scientifiche competenti sul […]

Leggi tutto