Le “operazioni criminali” dello IOR sono cosa del passato

Le “operazioni criminali” che hanno rovinato la reputazione dello IOR, la banca del Vaticano, sono “dietro di noi”, ha detto il francese Jean-Baptiste de Franssu, appena nominato capo dell’istituzione.

“Oggi, le regole sono molto rigide”, ha spiegato, in un’intervista rilasciata a una televisione francese. “Il Papa è guidato da tre grandi principi in materia di attività amministrativa e finanziaria: trasparenza, responsabilità e tolleranza zero”, ha aggiunto.

Lo IOR in passato è stato coinvolto nel riciclaggio di denaro sporco, tra cui quello della mafia, e in appropriazione indebita nella gestione dei conti.

Una riforma di vasta portata era stata già avviata da Benedetto XVI, con circa 2.000 conti che erano stati chiusi, ha detto Jean-Baptiste de Franssu.

L’obiettivo della banca è di avere dei soldi per permettere al Santo Padre e alla Chiesa di continuare ad aiutare i poveri e a diffondere la fede, ha spiegato il nuovo capo dell’istituzione.

News Notizie

“Guerra economica”: fine della globalizzazione e del regno del dollaro?

A cura di Jeffrey Cleveland, Chief Economist di Payden & Rygel L’invasione russa dell’Ucraina ha scatenato una risposta unitaria da parte dell’Occidente, apparentemente senza precedenti, consistente in una raffica di sanzioni economiche contro Mosca. I commentatori hanno prontamente dichiarato la fine della globalizzazione e del regno del dollaro statunitense come valuta di riserva. La Storia […]

Leggi tutto
News Notizie

La transizione energetica ha in sé i concetti di crescita e trasformazione

A cura di Xavier Chollet, Senior Investment Manager e gestore del fondo Pictet-Clean Energy di Pictet Asset Management La transizione energetica ha in sé i concetti di crescita e trasformazione, in un contesto in cui governi, aziende e singoli individui diventano gli artefici del mondo che verrà Quando si parla di transizione energetica va sottolineato […]

Leggi tutto
News Notizie

Stop all’abbattimento dei pulcini maschi entro la fine del 2026

Nella seduta di oggi la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, con un voto decisivo per la storia delle leggi sul benessere animale in Italia, lo stop all’abbattimento dei pulcini maschi entro la fine del 2026. La notizia arriva a seguito dell’approvazione a giugno al Senato e a dicembre 2021 alla Camera dell’emendamento […]

Leggi tutto