Una tazza di caffè protegge i denti

Bere una tazza di caffè forte protegge i denti. I ricercatori dell’Università di Rio de Janeiro hanno esaminato gli effetti benefici della “coffea canephora”, un caffè del Brasile e del Vietnam, trovando che bere del caffè forte, occasionalmente, può prevenire la carie.

I componenti del caffè eliminano i batteri, quando vengono in contatto con la placca dentale, e, degli estratti del prodotto potrebbero essere utilizzati per i dentifrici e i colluttori, secondo i ricercatori.

Andréa Antonio, principale autore dello studio, pubblicato su ‘Letters in Applied Microbiology’, ha osservato, però, che se una tazza di caffè è efficace contro la placca, un eccessivo consumo di caffè macchia i denti e, con gli effetti dell’acidità, intacca lo smalto. Inoltre, il latte e lo zucchero, se consumati con il caffè, possono completamente neutralizzare tutti gli effetti positivi di una tazza di caffè.

Cultura e Società Lifestyle News Salute

Mascherina: aumento dell’acne del 40% nell’ultimo anno

L’80% della popolazione ha sofferto di acne nel corso della propria vita ma indubbiamente quest’ultimo anno e mezzo è stato il peggiore. L’utilizzo della mascherina ha provocato un aumento significativo dei problemi alla pelle, soprattutto la comparsa di piccoli brufoli sul viso poiché lo sfregamento e la pressione della mascherina, combinati con la mancanza di […]

Leggi tutto
Cultura e Società Lifestyle Salute

Giornata Mondiale della Psoriasi, un invito a combattere il pregiudizio

Il 29 ottobre ricorre la Giornata Mondiale della Psoriasi. APIAFCO per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia ha predisposto un invito a combattere il pregiudizio che la psoriasi sia una malattia contagiosa, con le armi dell’ironia e della creatività. La campagna di sensibilizzazione “Niente distanza, siamo psoriasici” viaggia sul sito web e sui canali social Facebook […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

HIV: gravidanza sicura per mamma e figlio

Le conquiste degli ultimi anni nell’ambito dell’HIV hanno sancito lo storico successo dell’evidenzia scientifica dello U=U, Undetectable=Untransmittable: l’HIV non viene trasmesso sessualmente se la viremia del partner HIV positivo è persistentemente non determinabile nel sangue, grazie alla corretta assunzione di un’efficace terapia antiretrovirale. Un passaggio che permette di considerare l’HIV un’infezione cronica. Recenti studi rivelano […]

Leggi tutto