Piccoli chip medici potranno essere ricaricati senza fili all’interno del corpo

Dispositivi elettronici più piccoli di un chicco di riso, che agiscono come un pacemaker, potranno, in futuro, permettere ai medici di curare le malattie con l’elettronica piuttosto che con i farmaci.

Un ingegnere elettrico dell’università di Stanford ha inventato un modo per ricaricare in modalità wireless, in profondità e all’interno del corpo, piccoli dispositivi medici elettronici, come pacemaker, stimolatori nervosi, o altri sensori ancora da sviluppare

I dispositivi possono essere essere alimentati o ricaricati in modalità wireless tenendo una fonte di alimentazione delle dimensioni di una carta di credito sopra il dispositivo, al di fuori del corpo.

Questi nuovi sistemi di cura, illustrati nei Proceedings della National Academy of Sciences (PNAS), giungono dopo anni di sforzi fatti da Ada Poon, assistente professore di ingegneria elettronica, per eliminare le batterie ingombranti e i sistemi di ricarica che impediscono ai dispositivi medici di essere più largamente usati.

Poon ritiene che questa scoperta apra una nuova generazione di microimpianti programmabili, come sensori per monitorare le funzioni vitali in profondità all’interno del corpo o elettrostimolatori per cambiare i segnali neurali nel cervello, nonché sistemi per applicare dei farmaci direttamente nelle zone colpite da una malattia.

Finora, il sistema di ricarica wireless è stato testato in un maiale e in un coniglio. E’ in preparazione un sistema di test da fare negli esseri umani.

Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Allergie primaverili, quanto incidono sugli occhi?

Con l’’arrivo del caldo e della bella stagione arrivano anche le allergie primaverili; questo periodo dell’anno è infatti quello con la maggior produzione di pollini da parte delle piante, che si concentrano nell’aria e possono far nascere le temute reazioni allergiche. Anche se in generale si parla di allergie primaverili questo termine di solito si […]

Leggi tutto