Creati spermatozoi con staminali ottenute dalla pelle

Gli scienziati della Stanford University sono riusciti a trasformare il tessuto della pelle di alcuni uomini con azoospermia in una forma di sperma.

Questo risultato ha anche sorpreso gli scienziati, che credevano fosse impossibile per questi pazienti produrre degli spermatozoi, dato che soffrivano di gravi anomalie genetiche nel cromosoma y, patologia che rende impossibile la produzione di spermatozoi sani.

In teoria, dunque, è possibile ripristinare la fertilità negli uomini con azoospermia di origine genetica, ossia con un’assenza di spermatozoi nel liquido seminale.

Nello studio, gli scienziati hanno preso le cellule della pelle da tre pazienti con azoospermia e le hanno trasformate in cellule staminali.

Quindi, hanno impiantato le cellule staminali nei testicoli di alcuni topi, notando che esse si sono evolute in una prima forma di sperma umano.

Il prossimo obiettivo dei ricercatori è quello di impiantare delle cellule staminali nei testicoli degli uomini, per sviluppare degli spermatozoi maturi.

Renee Reijo, uno degli autori dello studio, ha detto che questo nuovo trattamento dà speranza agli uomini con azoospermia e agli uomini infertili a causa dei trattamenti contro il cancro.

Lo studio, pubblicato sulla rivista ‘Cell’, mostra che gli uomini con azoospermia non hanno perso la capacità di produrre spermatozoi.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto