Le cellule nervose possono ricrescere

Una nuova ricerca fatta nell’University of Calgary’s Hotchkiss Brain Institute (HBI) ha scoperto un meccanismo che promuove la ricrescita delle cellule nervose difettose, ripristinando i collegamenti danneggiati dopo un infortunio.

Il dottor Doug Zochodne e il suo team hanno scoperto una molecola chiave che regola direttamente la ricrescita delle cellule nervose danneggiate nel sistema nervoso.

Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista ‘Nature Communications’.

Una proteina chiamata Retinoblastoma (Rb) è presente nei neuroni adulti e sembra agisca normalmente come un freno, impedendo la crescita del nervo.

Inattivando la Rb si toglie il processo frenante e i nervi crescono molto più velocemente.

Anche nel cancro, in cui c’è una crescita eccessiva di cellule, Rb funziona anormalmente. Il cancro è in grado di modificare il processo frenante della proteina e di aumentare la crescita delle cellule.

I ricercatori sono stati in grado di arrestare la Rb per un breve lasso di tempo, senza osservare alcun risultato negativo, questo fa ben sperare che un giorno si possano trattare, in modo sicuro, i pazienti affetti da danni ai nervi.

Lo studio ha riguardato il sistema nervoso periferico.

Danni ai nervi periferici possono essere incredibilmente debilitanti, con pazienti che avvertono dolore, formicolio, intorpidimento o difficoltà di coordinamento di mani, piedi, braccia o gambe.

Fonte: http://www.ucalgary.ca/

Lifestyle News

Neonati: documento intersocietario sull’Alimentazione complementare

Quando avviare lo svezzamento? È possibile far provare qualsiasi alimento ai bambini che iniziano l’alimentazione complementare? Alimentazione complementare e autosvezzamento sono la stessa cosa? A queste e a molte altre domande risponde il Documento intersocietario sull’Alimentazione complementare promosso dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) in collaborazione con la Federazione Italiana Medici Pediatri […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Tecnologia

Il diabete giovanile ama la tecnologia

I ragazzi in classe lo hanno imparato da tempo: il suono della campanella coincide anche con la consegna dei dispositivi elettronici. Gli unici device ammessi sono quelli dei ragazzi con diabete mellito di tipo 1 che devono tenere sul banco per verificare se ci sono variazioni significative nei livelli di glicemia. Un numero considerevole visto […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Fratture: il trattamento chirurgico è privilegiato

“L’indicazione alla chirurgia nel trattamento delle fratture all’avambraccio nei bambini (che sono in assoluto le più frequenti dell’arto superiore) è aumentata negli ultimi anni del 20%. Intervenire chirurgicamente assicura, infatti, migliori risultati rispetto al trattamento conservativo in gesso, che mantiene comunque un ruolo da protagonista, e soprattutto garantisce un periodo di malattia più breve e […]

Leggi tutto