Depilarsi le parti intime espone alle infezioni

È importante non depilarsi nelle parti intime si si vuole evitare di contrarre una gran parte di malattie sessualmente trasmesse, secondo l’Accademia spagnola di dermatologia e Venereologia.

“Dopo che è diventata una moda sbarazzarsi dei peli pubici in entrambi i sessi, i dermatologi hanno assistito impotenti a un allarmante aumento delle malattie a trasmissione sessuale tra i giovani”, ha detto Ramón Grimalt, specialista dell’Accademia spagnola.

Secondo il medico, c’è stato un considerevole aumento di verruche ai genitali causate da questa pratica.

“Se il preservativo è usato correttamente e i peli pubici non sono depilati, il rischio di contagio è quasi zero”, ha detto dermatologo.

Il pelo pubico ha una funzione protettiva contro l’inevitabile attrito che si crea durante il rapporto sessuale. Se entrambi i membri di una coppia hanno un pube glabro, qualsiasi infezione che si trova sulla pelle di uno di loro, inevitabilmente passa al partner sessuale, ha aggiunto.

Il preservativo protegge in parte dalle malattie sessualmente trasmissibili, ma non protegge la zona pubica, ha detto l’esperto.

Le piccole ferite che si creano nella pelle pubica permettono ai microrganismi di penetrare e creare infezioni, verruche, herpes, infezioni fungine, infezioni batteriche e persino sifilide.

Secondo il dottor Grimalt, è necessario che almeno uno dei due membri in una coppia non si depili, per evitare lo sfregamento diretto di pelle contro pelle.

Lifestyle News Salute

L’impatto della pandemia da COVID-19 sulle relazioni di coppia

Una ricerca condotta dal Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino e pubblicata sulla rivista scientifica internazionale Journal of Affective Disorders ha indagato l’impatto della pandemia da COVID-19 sulle relazioni di coppia e benessere psicologico degli italiani. Uno studio condotto dalle ricercatrici A. Romeo, A. Benfante e M. Di Tella del gruppo “ReMind the Body” del […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Osteoporosi e sarcopenia: pazienti a rischio

La parziale ripresa di controlli e visite dopo la fase più acuta della pandemia ha evidenziato la necessità di un nuovo approccio verso le patologie che colpiscono ossa e muscoli, rispettivamente osteoporosi e sarcopenia. Si inizia a parlare di “osteosarcopenia”, una sindrome di recente definizione che vede la concomitante manifestazione delle due patologie, accentuata in […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Nuove linee guida per la steatosi epatica non alcolica

La prevalenza della NAFLD (Non Alcoholic Fatty Liver Disease, Steatosi epatica non alcolica) è in aumento in tutto il mondo. Obesità, invecchiamento della popolazione, diffusione del diabete, consumo di cibi processati ricchi di acidi grassi saturi, fruttosio e di zuccheri industriali sono le cause principali. Questa situazione ha indotto le tre società scientifiche competenti sul […]

Leggi tutto