Aviaria, primo caso a Hong Kong

Hong Kong ha fatto sapere di aver messo in quarantena almeno 17 persone, dopo aver annunciato, martedì, che nel loro Paese, c’è stato un primo caso umano di influenza aviaria, una infezione da virus H7N9.

Le persone messe in quarantena sono quelle venute a contatto con una domestica indonesiana 36enne, che è in condizioni critiche in un ospedale della città.

La donna è stata infettata dal virus H7N9 durante un soggiorno a Shenzhen, nella Cina meridionale.

L’amministrazione di Hong Kong ha anche annunciato che ci saranno maggiori controlli alle frontiere in entrata e aumentati controlli da parte delle autorità sanitarie sul pollame in arrivo.

La donna infettata a Hong Kong rapprenta il secondo caso di aviaria fuori della Cina, dopo quello registrato a Taiwan.

Il virus H7N9 ha contagiato finora 137 persone e fatto 45 morti.

Lifestyle News Salute

Andropausa, scoperta una nuova molecola anti-invecchiamento

Ad Abano Terme presentato un peptide inedito (un piccolo frammento di osteocalcina) che interesserà gli ultrasessantenni: un esercito di quattro milioni di maschi italiani è infatti colpito da bassa produzione di testosterone associata ad un quadro clinico caratterizzato da osteoporosi, sindrome metabolica e disturbi della sessualità. Il professor Carlo Foresta: “Gli autori della ricerca sostengono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Il virus Sars-Covid viaggia nei nervi con dolori muscolari

Nella classifica delle ripercussioni post Covid, la voce dolore ricopre uno spazio importante: basti pensare che circa la metà dei pazienti che ha avuto l’infezione ha dovuto lottare contro i dolori muscolari, seguiti da cefalee acuto (6-21%), dolori toracico (2-21%), oculare (16%), mal di gola (5-17%) e addominale (12%). E ultimamente anche quelli che coinvolgono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

La terza dose di vaccino porrà un probabile freno al Covid

TERZA DOSE DI VACCINO: L’IMPORTANZA E LA NORMALITA’ – I vaccini ci hanno permesso di superare una situazione di estrema gravità quale quella in cui ci aveva spinto la pandemia di Covid-19 nel 2020. Avendoli però sviluppati in poco tempo, la loro somministrazione è stata programmata in due dosi a intervalli di tempo ravvicinati. L’introduzione […]

Leggi tutto