Nuovo test individua i rischi di attacco cardiaco

cuoreAlcuni ricercatori scozzesi hanno messo a punto un test che utilizza dei marcatori radioattivi, per determinare i rischi di un attacco cardiaco.

La tecnica innovativa, sviluppata nell’Università di Edimburgo, in Scozia, rileva con precisione le placche nei vasi sanguigni, in particolare nelle arterie che portano sangue al cuore.

Quando si rompe una placca, in un vaso sanguigno, questo può causare l’ostruzione dell’arteria, che interferisce con il flusso corretto del sangue e causare un attacco di cuore.

Il nuovo test permette di monitorare le arterie responsabili di possibili ostruzioni.

Lo studio, pubblicato sulla rivista ‘Lancet’ ha utilizzato il test con successo in 40 pazienti, vittime di attacchi di cuore; per 37 di questi, è stato possibile individuare quale area delle arterie fosse a rischio.

“Non tutte le placche rilevate provocano attacchi di cuore. Tuttavia, raccogliendo queste informazioni si possono identificare i pazienti ad alto rischio che necessitano di un trattamento più aggressivo”, ha detto Marc Dweck, uno degli autori dello studio.

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte nei paesi sviluppati.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto