Le ore migliori per bere il caffè non sono quelle della mattina

caffèLe ore migliori per bere il caffè non sono quelle della mattina. La caffeina ha un maggiore impatto tra le 09.30 e le 11:30 a causa del modo in cui interagisce con la produzione del cortisolo, secondo il neuroscienziato Steven Miller della Uniformed Services University of the Health Sciences, nel Maryland (Stati Uniti).

La produzione di cortisolo è legata alla vigilanza e naturalmente ha dei picchi tra le 8 e le 9, tra le 12 e le 13 e tra le 17.30 e le 18:30.

“Il caffè sarà probabilmente più efficace tra le 9:30 e le 11:30, quando i livelli di cortisolo sono in caduta prima il prossimo picco”, ha scritto Miller.

I livelli di cortisolo variano però da persona a persona, ha precisato il neuroscienziato, per questo gli orari indicati potrebbero non essere validi proprio per tutti.

Lifestyle News Salute

India: il COVID-19 ha reso i bambini ansiosi

Durante la pandemia da COVID-19, i bambini di tutta l’India hanno avuto problemi a dormire e hanno dovuto affrontare un aumento dei casi di violenza domestica. Un numero maggiore di loro è stato costretto a lavorare. È quanto emerge da uno studio condotto da Save the Children, l’Organizzazione da oltre 100 anni lotta per salvare […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Porpora trombotica: la diagnosi può arrivare in ritardo

La porpora trombotica trombocitopenica (TTP) non è solo una patologia dal nome difficile, ma è anche ultra-rara: l’incidenza della sua forma acquisita (aTTP), di origine autoimmune, che corrisponde al 95% dei casi totali, è di circa 1,2 – 6 casi per milione di persone per anno e nel nostro Paese si stima che si verifichino […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

L’impatto della pandemia da COVID-19 sulle relazioni di coppia

Una ricerca condotta dal Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino e pubblicata sulla rivista scientifica internazionale Journal of Affective Disorders ha indagato l’impatto della pandemia da COVID-19 sulle relazioni di coppia e benessere psicologico degli italiani. Uno studio condotto dalle ricercatrici A. Romeo, A. Benfante e M. Di Tella del gruppo “ReMind the Body” del […]

Leggi tutto