Vivere nei dintorni di un aeroporto aumenta di un quarto il rischio di ictus

aereo Vivere nei pressi di un aeroporto fa male. Lo hanno trovato due studi fatti a Londra e negli Stati Uniti, i cui risultati sono stati descritti sul “British medical journal”.

Altri studi avevano già indicato il rumore dei velivoli può far aumentare la pressione sanguigna e i rischi di malattia di cuore.

Ora l’impatto del trasporto aereo sulla salute è stato studiato dai ricercatori dell’Imperial College di Londra su circa 3,6 milioni di persone che vivono nelle vicinanze dell’aeroporto di Heathrow.

E’ emerso che nelle zone più rumorose, con volume al di sopra dei 63 decibel, i rischi di malattie cardiache e ictus aumentano dal 14 al 24 per cento, ossia quasi fino a un quarto.

Nel secondo studio, gli scienziati dell’Università di Harvard hanno analizzato la situazione di 6 milioni di americani di età compresa tra i 65 anni e oltre, residenti vicino a 89 aeroporti degli Stati Uniti.

Da questo studio è emerso che il rischio di malattie cardiache e di ictus aumenta costantemente a livelli di rumore al di sopra dei 55 decibel.

Lifestyle News Salute Tecnologia

Caldo record, dalla SIPREC il decalogo per i pazienti cardiovascolari

CAMBIAMENTI CLIMATICI E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE – Da metà maggio l’Italia è interessata da ondate di calore senza precedenti. Tra i rischi da prevenire, vi sono anche quelli per l’apparato cardiovascolare. Da qui nasce l’impegno istituzionale e sociale della Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare – SIPREC a consigliare norme di comportamento per salvaguardare la propria […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

India: il COVID-19 ha reso i bambini ansiosi

Durante la pandemia da COVID-19, i bambini di tutta l’India hanno avuto problemi a dormire e hanno dovuto affrontare un aumento dei casi di violenza domestica. Un numero maggiore di loro è stato costretto a lavorare. È quanto emerge da uno studio condotto da Save the Children, l’Organizzazione da oltre 100 anni lotta per salvare […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Porpora trombotica: la diagnosi può arrivare in ritardo

La porpora trombotica trombocitopenica (TTP) non è solo una patologia dal nome difficile, ma è anche ultra-rara: l’incidenza della sua forma acquisita (aTTP), di origine autoimmune, che corrisponde al 95% dei casi totali, è di circa 1,2 – 6 casi per milione di persone per anno e nel nostro Paese si stima che si verifichino […]

Leggi tutto