Papa Bergoglio: una Chiesa che include

papa.francescoA fine agosto, papa Francesco ha rilasciato un’intervista a ‘La Civiltà Cattolica’, la pubblicazione storica della Compagnia di Gesù.

Nella lunga intervista di 29 pagine, Jorge Bergoglio ha detto che bisogna accompagnare con misericordia i divorziati, i gay e le donne che hanno abortito.

Ha fatto presente che egli evita di parlare di questi problemi, perché è necessario farlo contestualmente e non insistentemente, imponendo modalità di addottrinamento.

“Io non ho parlato molto di queste cose, e questo mi è stato rimproverato”, ha detto il Papa argentino, osservando: “Il parere della Chiesa, del resto, lo si conosce, e io sono figlio della Chiesa, ma non è necessario parlarne in continuazione”.

Sui divorziati risposati, papa Francesco ha detto: “Bisogna sempre considerare la persona. Nella vita Dio accompagna le persone, e noi dobbiamo accompagnarle a partire dalla loro condizione”.

Per il Papa bisogna curare, anche con la predicazione, ogni tipo di malattia e di ferita.

“Io vedo con chiarezza che la cosa di cui la Chiesa ha più bisogno oggi è la capacità di curare le ferite e di riscaldare il cuore dei fedeli”, ha detto papa Bergoglio, confessando di considerare la Chiesa come “un ospedale da campo dopo una battaglia” dove bisogna essere pronti a curare le ‘ferite’ dei ‘malati'”, cominciando dal basso”.

Per papa Francesco, una Chiesa che è “ossessionata dalla trasmissione disarticolata di una moltitudine di dottrine da imporre con insistenza”, “rischia di cadere come un castello di carte, di perdere la freschezza e il profumo del Vangelo”.

“La proposta evangelica – per Bergoglio – deve essere più semplice, profonda, irradiante”, perché “è da questa che poi vengono le conseguenze morali”.

Questa Chiesa è la casa di tutti, “non una piccola cappella che può contenere solo un gruppetto di persone selezionate”, ha osservato il Papa, pronunciandosi per una religiosità misericordiosa inclusiva.

“Io – ha detto il Papa – ho una certezza dogmatica: Dio è nella vita di ogni persona, Dio è nella vita di ciascuno. Anche se la vita di una persona è stata un disastro, se è distrutta dai vizi, dalla droga o da qualunque altra cosa, Dio è nella sua vita. Lo si può e lo si deve cercare in ogni vita umana”.

Anche sul relativismo, Jorge Bergoglio ha detto di non considerarlo un male se “è inteso in senso biblico, per cui Dio è sempre una sorpresa, e dunque non sai mai dove e come lo trovi, non sei tu a fissare i tempi e i luoghi dell’incontro con Lui”.

Cultura e Società News

38 Cantine Lombarde aprono le loro porte il 28/29 maggio

Anche quest’anno, Cantine Aperte, manifestazione iconica del Movimento Turismo del Vino, Lombardia si presenta al pubblico degli enoturisti con un programma estremamente attraente: saranno infatti 38 le Aziende pronte ad accogliere gli appassionati nel fine settimana del 28/29 maggio prossimi. Valtellina, Valcalepio, Franciacorta, Montenetto, Lugana, Colli Morenici Mantovani, Lambrusco Mantovano, San Colombano al Lambro e […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scienza

Salorno: ritrovata un’area di cremazione dell’età del Bronzo

Nel sito archeologico di Salorno (BZ) è stata ritrovata un’area di cremazione che rappresenta un unicum per quantità di resti bruciati e che potrebbe anche rivelare una nuova modalità funeraria, non comune nell’età del Bronzo. La ricerca, pubblicata su PLOS ONE è stata realizzata da un team del Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Università […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Premio “in rosa”, dedicato alla scrittura femminile

GIUDITTA avanzamento di idee, l’Associazione culturale senza scopo di lucro costituita nel 2017 ad Alessandria come volontariato culturale con lo scopo di valorizzare la scrittura femminile, presenta l’appuntamento con il suo Premio letterario nazionale. Un evento molto atteso che, a causa delle restrizioni in materia COVID 19, non si è potuto svolgere in forma pubblica […]

Leggi tutto