Dormi male? Vai in campeggio!

campeggioSe si ha difficoltà ad addormentarsi e ogni mattina ci si sveglia stanchi, la colpa potrebbe essere dell’orologio biologico che deve essere reimpostato.

Per fare questo, non c’è niente di meglio che passare un paio di giorni in tenda, lontani da qualsiasi fonte di energia elettrica, esposti alla luce naturale del giorno.

I ricercatori dell’Università di Boulder, in Colorado (Stati Uniti), hanno scoperto che trascorrere una settimana in una tenda, lasciandosi svegliare naturalmente dai primi raggi del sole e addormentarsi lontani da qualsiasi fonte di luce, può regolare l’orologio biologico, spesso sballato dallo stress e dalle lunghe esposizioni alle radiazioni del computer, dei tablet o degli schermi televisivi.

“Una settimana di campeggio è un modo naturale per ripristinare il ritmo circadiano (cioè il nostro ritmo naturale quotidiano) e combattere l’insonnia”, ha spiegato Kenneth Wright, che ha condotto lo studio, pubblicato sulla rivista Current Biology.

Per questo studio, il team del dottor Kenneth Wright ha inviato in campeggio 8 persone particolarmente esposte alla luce artificiale a casa o nel loro posto di lavoro.

Le ha mandate in mezzo alla natura, nel Colorado, dove non c’era altra fonte di luce, oltre al sole e al fuoco di sera.

Dopo una settimana in tenda, l’orologio biologico delle persone si era nuovamente sincronizzato su un normale ritmo quotidiano di 24 ore.

occhio
Lifestyle News Salute

Sindrome di Adie, quando le pupille si dilatano

Le pupille, ovvero la parte nera al centro dell’occhio, sono controllate dai muscoli dell’iride (la zona pigmentata) che, a sua volta, dipende dal sistema nervoso autonomo. Il fenomeno avviene per regolare la quantità di luce che entra nell’occhio: si dilatano se siamo al buio e si restringono negli ambienti molto luminosi. Sebbene con l’età tenda […]

Leggi tutto
Assistenza infermieristica - Theresa Brown
Lifestyle News Salute Tecnologia

Infarto: salvare vite con i droni negli ospedali italiani

Ogni anno in Italia 150mila persone sono colpite da infarto: di queste 25mila muoiono prima di arrivare in ospedale a causa dei ritardi nelle operazioni di soccorso. Vite che potrebbero essere salvate se solo si riuscisse a prestare loro le cure necessarie in tempi rapidi. Una “strage” che secondo VISIONARI NO PROFIT – associazione per […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid e cure domiciliari

L’aumento dei contagi nelle ultime settimane ha posto nuovamente tanti pazienti di fronte alle difficoltà di gestire l’infezione da SARS-CoV-2 a domicilio. I sintomi generalmente lievi che caratterizzano i pazienti vaccinati colpiti dalla variante Omicron hanno moltiplicato il numero dei soggetti a cui prestare attenzione, molti dei quali cercano la gestione migliore per la propria […]

Leggi tutto