I dispositivi mobili ci identificheranno con una pillola

pilloleDelle piccole capsule deglutibili contenenti un minuscolo chip potranno identificare una persona trasmettendo i dati personali di un individuo.

I dispositivi elettronici saranno in grado di leggere il segnale, che è unico, ponendo fine alla necessità di password e di carte di identità, liberando gli utenti dal difficile compito di ricordare numerosi codici e risposte di sicurezza.

Già approvato sia dalla US Food and Drug Administration che dalle autorità di regolamentazione europee, il sensore ingeribile è alimentato da una batteria che utilizza l’acido che è nello stomaco di chi la ingoia.

Ogni pillola è progettata per muoversi nel corpo col normale processo di digestione e può essere presa ogni giorno per il tempo massimo di un mese.

Basata su una tecnologia sviluppata da Proteus Digital Health in California, la pillola contiene il chip di un computer e un interruttore, che si attiva quando viene a contatto con l’acido nel corpo dell’utente.

Quindi invia un piccolo segnale che può essere letto dai dispositivi mobili e permette loro di verificare l’identità di un individuo.

News Scienza

Bambini preoccupati per il cambiamento climatico

Quanto sono preoccupati i bambini rispetto al tema del cambiamento climatico? Cartoon Network ha pubblicato i risultati di un nuovo studio condotto in alcuni paesi dell’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), in cui ha analizzato le opinioni e i comportamenti di oltre 4.000 bambini in un’età compresa tra i 6 e i 12 anni […]

Leggi tutto
plastica
News Scienza

Riparte Plastic Radar per segnalare la presenza di rifiuti in plastica che inquinano

Riparte Plastic Radar, il servizio di Greenpeace che consente a tutti di segnalare la presenza di rifiuti in plastica che inquinano spiagge, mari, fondali, fiumi e laghi. Per partecipare all’iniziativa basta inviare una foto del rifiuto disperso al numero di Greenpeace +39 342 3711267 tramite l’applicazione Whatsapp. Affinché la segnalazione sia valida, è importante che […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scienza

In Trentino arrivano di nuovo le vespe samurai per contrastare la cimice asiatica

Al via il secondo anno di rilasci delle vespe samurai in Trentino per contrastare la cimice asiatica. L’autorizzazione ministeriale appena arrivata consente di immettere nel territorio provinciale Trissolcus japonicus, l’agente di controllo in grado di parassitizzare le uova della cimice asiatica e ridurre cosi la popolazione che sta creando notevoli danni all’agricoltura. Alla Fondazione Mach […]

Leggi tutto
News IN DIES