Suona la chitarra mentre gli impiantano pacemaker al cervello

brad.carterBrad Carter, un musicista di 39 anni, ha subito l’impianto di un pacemaker al cervello, in un ospedale di Los Angeles, per ridurre gli effetti della malattia di Parkinson e, durante l’operazione, ha suonato una chitarra.

A Carter era stato diagnosticato nel 2006 un disturbo neurologico che gli provocava tremore alle mani, dandogli serie difficoltà quando suonava la chitarra.

Così, i medici gli hanno consentito di suonare lo strumento mentre gli veniva impiantato un pacemaker nel cervello, anche per controllare meglio gli effetti del dispositivo e regolarlo meglio.

Il pacemaker, che dà impulsi elettrici al cervello, contribuisce a fermare tremori.

Nel caso di Brad, l’uomo è riuscito a suonare la chitarra senza difficoltà dopo 7 anni che non era stato più in grado di farlo.

L’operazione è andata molto bene.

“Sono entusiasta di suonare la chitarra”, sono state le prime parole che ha detto Carter, che, attualmente, rimane ricoverato in ospedale.

IL VIDEO:

Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Allergie primaverili, quanto incidono sugli occhi?

Con l’’arrivo del caldo e della bella stagione arrivano anche le allergie primaverili; questo periodo dell’anno è infatti quello con la maggior produzione di pollini da parte delle piante, che si concentrano nell’aria e possono far nascere le temute reazioni allergiche. Anche se in generale si parla di allergie primaverili questo termine di solito si […]

Leggi tutto