Un pacemaker nel cervello promette di curare l’anoressia

La stimolazione cerebrale profonda nei pazienti affetti da anoressia nervosa, resistente a ogni trattamento, può aiutare a migliorare il peso corporeo, il tono dell’umore e lo stato di ansia, secondo una nuova ricerca.

anoressiaUn team di ricercatori del Krembil Neuroscience Centre e dell’University Health Network di Toronto, in Canada, ha studiato l’uso di uno strumento simile a un pacemaker su sei pazienti affetti da malattia cronica.

I pazienti, che avevano un’età media di 38 anni, avevano combattutto senza risultati la malattia per anni. Oltre all’anoressia, tutti i pazienti, tranne uno, soffrivano di patologie psichiatriche come depressione, ansia e disturbi ossessivi-compulsivi.

A questi volontari, il team di ricercatori ha impiantato degli elettrodi in una parte specifica del cervello coinvolta con le emozioni.

Una volta impiantati, gli elettrodi sono stati collegati a un generatore di impulsi, molto simile a un pacemaker, sistemato sotto la clavicola destra.

Dopo alcuni mesi di trattamento, alcuni pazienti avevano guadagnato peso, altri avevano sperimentato un cambiamento del tono dell’umore, un miglioramento dell’ansia e degli stati ossessivi e compulsivi.

Il trattamento, considerato ancora sperimentale, potrebbe costituire un’opzione di cura in futuro, specialmente per i casi di anoressia resistente ad altri trattamenti.

Lo studio, pubblicato sulla rivista medica The Lancet permette agli specialisti anche di comprendere ulteriormente una malattia grave come l’anoressia.

Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Allergie primaverili, quanto incidono sugli occhi?

Con l’’arrivo del caldo e della bella stagione arrivano anche le allergie primaverili; questo periodo dell’anno è infatti quello con la maggior produzione di pollini da parte delle piante, che si concentrano nell’aria e possono far nascere le temute reazioni allergiche. Anche se in generale si parla di allergie primaverili questo termine di solito si […]

Leggi tutto