L’ecstasy potrà giovare ai malati terminali?

Alcuni scienziati della California vogliono vedere se l’ecstasy può contribuire ad attenuare l’ansia nei malati terminali.

Almeno una dozzina di soggetti con malattie come il cancro, che potrebbero vivevere almeno 9 mesi, sono stati arruolati per uno studio.

A ogni soggetto sarà data in modo casuale o una dose completa di ecstasy,MDMA (3,4-metilenediossimetanfetamina), o una dose di placebo.

I risultati dello studio saranno resi noti entro 12-15 mesi.

Vidas, l’associazione che dal 1982 assiste gratuitamente i malati terminali, torna per Natale con due
Una singola dose di psilocibina, il composto attivo dei "funghi magici," ha ridotto significativamente l'ansia,
Basato su 29 punti, è stato elaborato un test da un gruppo di esperti australiani,