Il cancro può essere curato col virus dell’herpes

Un virus geneticamente modificato, può aiutare i pazienti con melanoma metastatico e prolungare la loro vita, secondo alcuni gli scienziati della Gran Bretagna.

Uno studio condotto dagli scienziati del Royal Marsden Hospital e dell’Institute of Cancer Research (ICR), pubblicato sul “Journal of Clinical Oncology” (JCO), asserisce che in alcuni pazienti il ​​miglioramento con questa cura è stato incredibile.

Il trattamento applicato, noto come T-VEC, consiste nell’utilizzo di una versione geneticamente modificata del virus Herpes simplex 1.

Con questa nuova cura, sebbene tutti i pazienti facenti parte dello studio soffrissero di melanoma metastatico maligno inoperabile, alcuni sono vissuti in media 20 mesi di più rispetto agli altri che erano nella stessa situazione.

Dei 436 pazienti che avevano partecipato allo studio, tra quelli trattati con T-VEC, il 16% ha risposto alle cure anche dopo sei mesi.

In certi pazienti l’efficacia del T-VEC (Talimogene Laherparepvec) è stata mediocre.

Gli esperti in oncologia sperano che il nuovo metodo possa trovare applicazione in molte forme di cancro, non solo contro il melanoma avanzato, ma anche contro i tumori del capo e del collo, della vescica e del fegato.

I virus, non sono solo dei nemici. Con la loro capacità di infettare e uccidere le cellule umane, promettono di essere dei buoni alleati contro il cancro.

Nello studio, prima gli scienziati hanno modificato geneticamente il virus in modo che non potesse riprodursi nelle cellule sane, ma solo all’interno del tumore.

Una volta iniettato e giunto alle cellule tumorali il medicinale le ha portate a esplodere. Poi, gli scienziati con altre modifiche genetiche del virus dell’herpes hanno stimolato il sistema immunitario per attivarlo e cercare di distruggere il tumore.

Due casi su tre, dai campioni prelevati da persone che i loro medici curanti ritenevano
Dal 12 al 14 giugno la IX edizione di ICAR all'Università di Siena: attesi circa
Sconfiggere alcuni tumori con un virus riprogrammato: è questo quello che si sono proposti alcuni