La proteina che blocca l’Ebola

I virologi hanno scoperto una proteina che protegge dal virus Ebola. Secondo un lavoro pubblicato su ‘mBio’ la rivista dell’American society of microbiology, la proteina costituirebbe una barriera naturale e potente per l’infezione.

Senza la proteina NPC1 (Niemann-Pick C1 ), l’Ebola non può diffondersi. Se questa proteina è assente dal corpo, il virus non può attaccare l’organismo, secondo i ricercatori della Facoltà di medicina Yeshiva di New York, che hanno fatto una ricerca su dei topi.

Tuttavia, la proteina non permette solo il trasporto del virus, ma aiuta anche quello del colesterolo. Le persone che non possiedono la proteina Niemann-Pick C1, a causa di un disordine genetico, soffrono di una malattia neurodegenerativa irreversibile. Le loro cellule sono bloccate da un accumulo di colesterolo.

Secondo i ricercatori, tuttavia, i pazienti infettati dovrebbero tollerare il trattamento, perché comunque esso durerebbe poco.

Poco più di due anni dopo la morte, il 6 dicembre 2013, di un bambino
La risposta locale e internazionale all'epidemia di Ebola in Africa occidentale è stata criticata in
L'infermiera scozzese che aveva contratto l'Ebola in Sierra Leone e che sembrava guarita prima della