Più obesità e ictus con la dieta ricca di proteine

Un nuovo studio spagnolo, presentato al congresso europeo sull’obesità, a Praga, ha trovato che l’aumento di proteine nella dieta produce obesità nei soggetti a rischio cardovascolare e aumenta il rischio di morte.

Lo studio, fatto per esaminare l’associazione tra l’aumento del consumo di proteine, il peso corporeo e la mortalità nelle persone con aumentato rischio cardiovascolare a causa di obesità, diabete di tipo 2 e ipertensione, ha trovato che chi aveva sostituito i carboidrati con le proteine ​​aveva avuto il 90% più probabilità di avere un aumento del peso corporeo di oltre il 10% nel corso dello studio. Aveva avuto anche un rischio maggiore del 59% di morte per cause cardiovascolari.

I ricercatori dell’Università Rovira i Virgili, per giungere alle loro conclusioni, hanno reclutato 7477 volontari di mezza età e anziani, nessuno dei quali aveva delle malattie di cuore all’inizio del 2003, ma tutti erano ad alto rischio di svilupparle.

Gli uomini dello studio avevano un’età di 55-80 anni e le donne di 60-80 anni.

I ricercatori hanno registrato a intervalli regolari e per cinque anni le loro abitudini alimentari, il peso corporeo e il loro stato di salute.

E’ emerso che “l’aumento del consumo di proteine, a lungo termine, è associato ad un aumentato rischio di obesità e di morte nelle persone ad alto rischio cardiovascolare”, come hanno detto gli autori dello studio, osservando che “al momento, non ci sono prove scientifiche secondo cui le diete ricche di proteine ​​sono una strategia efficace per la perdita di peso a lungo termine”.

Potrebbero interessarti anche...