Bere alcol nell’età dello sviluppo altera apprendimento e memoria

Un team di ricercatori ha trovato che la ripetuta assunzione di alcol durante l’adolescenza provoca cambiamenti duraturi nella regione del cervello che controlla l’apprendimento e la memoria.

Lo studio fatto alla Duke Medicine e apparso su ‘Alcoholism: Clinical and Experimental Research’ dice che bere durante l’adolescenza, prima che il cervello sia completamente sviluppato, può provocare anomalie cellulari e sinaptiche e avere effetti duraturi, dannosi sul comportamento.

Per gli autori dello studio, una volta che le persone raggiungono l’età di 18 anni, sono considerate adulte, ma il cervello continua a maturare, per cui bere tanto è ancora nocivo.

L’assunzione di alcol quando il cervello non è ancora comopletamente sviluppato può alterare un meccanismo cellulare chiamato potenziamento a lungo termine, o LTP, che è il rafforzamento delle sinapsi del cervello, utilizzate per imparare nuove cose o evocare ricordi.

L’apprendimento si verifica meglio quando questa attività sinaptica è abbastanza vigorosa per costruire le trasmissioni di segnali forti tra i neuroni. La LTP è più alta nei giovani, età in cui l’apprendimento efficace è cruciale per gli adolescenti.

I ricercatori, per giungere alle loro conclusioni, hanno fatto degli esperimenti su dei giovani ratti, trovando una diminuzione anormale di LTP nei ratti adulti che erano stati esposti all’alcol durante il loro sviluppo.

Potrebbero interessarti anche...