Lo stress lavorativo non provoca il cancro

Lo stress da lavoro non provoca il cancro. Lo ha detto un nuovo studio europeo, dopo che un team internazionale di ricercatori ha analizzato vari studi clinici che avevano coinvolto 116.056 persone, uomini e donne di età compresa tra i 17 e 70 anni, di Finlandia, Francia, Olanda, Svezia, Danimarca e Gran Bretagna.

Dalla ricerca, pubblicata sul British Medical Journal (BMJ) emerge che lo stress dovuto al lavoro non aumenta il rischio di cancro, neanche prendendo in considerazione altri fattori, tra cui età, sesso, status sociale ed economico, situazione scolastica, consumo di fumo e alcol.

I risultati dello studio evidenziano che lo stress legato al lavoro è improbabile che sia un fattore di rischio significativo per i tumori del colon e del retto, del polmone, della mammella o della prostata.

Se, come dicono i ricercatori, la riduzione dello stress legato al lavoro migliora il benessere psicologico e fisico, è improbabile che influenzi in modo significativo l’incidenza del cancro a livello di popolazione.

Lo stress in generale, tuttavia, può aumentare l’infiammazione nel corpo, che a sua volta svolge un ruolo nello sviluppo del cancro, dicono i ricercatori.

In definitiva, gli effetti dello stress legato al lavoro sono limitati al sistema cardiovascolare, cioè a un aumentato rischio di infarto e ictus.

L'esposizione a lungo termine alle avversità può alterare il sistema della dopamina nel cervello , secondo un nuovo
Troppo stress fa male. Un nuovo studio ha scoperto che quando lo stress interrompe il ritmo
Per una coppia decidere di diventare genitori è una scelta molto importante. E sul tema
Lo stress dalla routine lavorativa e il logorio della vita moderna sono un problema sempre più diffuso. Una condizione

Lascia un commento