Non c’è collegamento tra il vaccino e lo sviluppo dell’autismo

Un nuovo studio scientifico ha negato l’esistenza di un legame tra l’autismo e il vaccino per il morbillo, la parotite e la rosolia, il cosiddetto vaccino trivalente.

Un articolo pubblicato sulla rivista dell’American Medical Association (JAMA) illustra i risultati di uno studio fatto su circa 95.000 bambini del Lewin group, in Virginia, che ha escluso qualsiasi collegamento tra la vaccinazione trivalente e un aumentato rischio di autismo.

Confrontati con i fratelli, tra i bambini non vaccinati è emersa un’incidenza maggiore di autismo che tra i i vaccinati.

Il timore che i vaccini potessero causare l’autismo aveva iniziato a diffondersi dopo la pubblicazione, nel 1998, di un articolo di Andrew Wakefield, il quale sosteneva di aver trovato dei collegamenti fra il vaccino trivalente e l’autismo nei bambini di 12 anni.

Una notevole quantità di studi condotti poi negli ultimi 15 anni non ha trovato, però, alcun legame.

Lo studio statunitense pubblicato su JAMA rappresenta l’ennesima negazione di un collegamento tra il vaccino e l’autismo.

Un editoriale di Bryan King, medico dell’Università di Washington e del Seattle Children Hospital, che accompagna l’articolo, precisa che i dati sono chiari e che i timori su un possibile collegamento tra vaccino e autismo sono infondati.

Potrebbero interessarti anche...